Slideshow in home page Bose

Bose è una comunità di monaci e di monache appartenenti a chiese cristiane diverse che cercano Dio nell'obbedienza al Vangelo, nella comunione fraterna e nel celibato. Presente nella compagnia degli uomini si pone al loro servizio.


Fr. Enzo Bianchi

Pasqua insieme, pasque diverse

La Stampa 16 aprile 2017

Quest’anno i cristiani di tutte le chiese e confessioni festeggiano la Pasqua alla stessa data. Ma non la festeggiano certo allo stesso modo. Non solo perché liturgie, riti e tradizioni sono diverse fin dai primi secoli, ma ancor più perché a essere profondamente diversa è la condizione in cui i cristiani vivono nelle diverse parti del globo. In Egitto, dove i cristiani sono circa il 10% della popolazione, quest’anno più che mai i fedeli partecipano alle celebrazioni del mistero centrale della loro fede – la morte e risurrezione di Gesù Cristo – a rischio della loro stessa vita, come tragicamente ci hanno ricordato le vittime di Tanta e di Alessandria solo domenica scorsa.

Commento al vangelo

Lo riconobbero allo spezzare il pane

30 aprile 2017

III domenica di Pasqua
di ENZO BIANCHI

Nel mirabile racconto dell’incontro tra Gesù e i discepoli di Emmaus si parla di camminare insieme, di ricordare e pensare, di rispondere a chi chiede conto e quindi di celebrare la presenza vivente del Risorto. Ma ciò può avvenire in pienezza solo nella comunità cristiana, nella chiesa: per questo i due discepoli fanno ritorno a Gerusalemme, dove trovano riunita la comunità che li precede e annuncia loro la resurrezione. È ciò che avviene anche a noi ogni domenica, giorno pasquale, nella comunità radunata dal Signore: la Parola contenuta nelle Scritture, l’Eucaristia e la comunità sono i segni privilegiati della presenza del Risorto, il quale non si stanca di donarsi a noi, “stolti e lenti di cuore”, ma da lui amati, perdonati, riuniti nella sua comunione.

Bose, monaci, liturgia monastica, preghiera, liturgia delle ore, pasqua

Preghiera per il tempo di Pasqua: giovedì II

27 aprile 2017

Di Cristo splendore del Padre, del Sole di ogni mattino nel primo chiarore del giorno la terra racconta la gloria

Ospitalità

Incontri per giovani

La vocazione: itinerario di discernimento

da sabato 29 aprile a lunedì 1 maggio 2017
Enzo Bianchi
Luciano Manicardi

Il termine “discernimento” è caduto nell’oblio e per le nuove generazioni cristiane risulta ermetico. L’essere umano è spesso posto davanti a un’opzione; anche nelle Scritture è chiamato alla scelta del bene o del male, all’acconsentire alla volontà di Dio oppure al rigettarla, all’optare per la vita o per la morte. Nell’intimo della coscienza l’uomo scopre una legge che non è lui a darsi, ma alla quale deve obbedire; una voce che lo chiama ad amare, a fare il bene e a fuggire il male.

Calendario dell'ospitalità