La forza di un lieto annuncio

Duomo di Monreale
Duomo di Monreale

19 dicembre 2017

Lc  1,5-25

5Al tempo di Erode, re della Giudea, vi era un sacerdote di nome Zaccaria, della classe di Abia, che aveva in moglie una discendente di Aronne, di nome Elisabetta. 6Ambedue erano giusti davanti a Dio e osservavano irreprensibili tutte le leggi e le prescrizioni del Signore. 7Essi non avevano figli, perché Elisabetta era sterile e tutti e due erano avanti negli anni.
8Avvenne che, mentre Zaccaria svolgeva le sue funzioni sacerdotali davanti al Signore durante il turno della sua classe, 9gli toccò in sorte, secondo l'usanza del servizio sacerdotale, di entrare nel tempio del Signore per fare l'offerta dell'incenso. 10Fuori, tutta l'assemblea del popolo stava pregando nell'ora dell'incenso. 11Apparve a lui un angelo del Signore, ritto alla destra dell'altare dell'incenso. 12Quando lo vide, Zaccaria si turbò e fu preso da timore. 13Ma l'angelo gli disse: «Non temere, Zaccaria, la tua preghiera è stata esaudita e tua moglie Elisabetta ti darà un figlio, e tu lo chiamerai Giovanni. 14Avrai gioia ed esultanza, e molti si rallegreranno della sua nascita, 15perché egli sarà grande davanti al Signore; non berrà vino né bevande inebrianti, sarà colmato di Spirito Santo fin dal seno di sua madre 16e ricondurrà molti figli d'Israele al Signore loro Dio. 17Egli camminerà innanzi a lui con lo spirito e la potenza di Elia, per ricondurre i cuori dei padri verso i figli e i ribelli alla saggezza dei giusti e preparare al Signore un popolo ben disposto». 18Zaccaria disse all'angelo: «Come potrò mai conoscere questo? Io sono vecchio e mia moglie è avanti negli anni». 19L'angelo gli rispose: «Io sono Gabriele, che sto dinanzi a Dio e sono stato mandato a parlarti e a portarti questo lieto annuncio. 20Ed ecco, tu sarai muto e non potrai parlare fino al giorno in cui queste cose avverranno, perché non hai creduto alle mie parole, che si compiranno a loro tempo».
21Intanto il popolo stava in attesa di Zaccaria e si meravigliava per il suo indugiare nel tempio. 22Quando poi uscì e non poteva parlare loro, capirono che nel tempio aveva avuto una visione. Faceva loro dei cenni e restava muto.
23Compiuti i giorni del suo servizio, tornò a casa. 24Dopo quei giorni Elisabetta, sua moglie, concepì e si tenne nascosta per cinque mesi e diceva: 25«Ecco che cosa ha fatto per me il Signore, nei giorni in cui si è degnato di togliere la mia vergogna fra gli uomini.


Luca narra con abbondanza di dettagli l’annuncio della nascita di Giovanni Battista, il Precursore del Messia.

Suo padre si chiama Zaccaria, nome che agli orecchi di un semita suona come “Il Signore si è ricordato”; sua madre porta il nome di Elisabetta, che significa “Il mio Dio ha giurato” o forse “Il mio Dio è pienezza”. Nomi che però sembrano contraddetti dalla realtà delle loro biografie, segnate da infecondità e mancanza.

Zaccaria ed Elisabetta sono due “giusti davanti a Dio”, ma sono sterili. Sono ormai anziani e il Signore tarda a manifestarsi, sembra proprio non voler contraccambiare la loro irreprensibilità con la benedizione di un figlio: non si ricorda di Zaccaria e non riempie di vita il grembo vuoto di Elisabetta…

La vita porta con sé realtà che leggiamo come contraddizioni e possiamo patire come profonde ingiustizie. Soprattutto se siamo credenti, perché il primo riflesso è quello di cercarne le ragioni in Dio. Ma nella fede che nasce dall’ascolto sentiamo un appello a uscire da una mentalità contrattuale di questo tipo per entrare in una relazione da vivere sotto un altro segno. Una relazione in cui niente è dovuto, tutto è donato.

C’è forse da lasciar andare ciò che riteniamo sia dovuto – tanto non ci sarà mai dato secondo i nostri piani e le nostre proiezioni! – per accogliere il tutto che si offre a noi in quel po’ che ci è donato.

Mi piace pensare che Zaccaria e Elisabetta abbiano ricevuto un figlio quando, ormai vecchi, non lo pretendevano più… Non che non lo attendessero più, l’angelo dice infatti a Zaccaria: “La tua preghiera è stata esaudita e tua moglie ti darà un figlio”, il che sembra implicare che Zaccaria non avesse smesso di pregare e attendere. Ma sterilità e anzianità ci suggeriscono che ciò che finalmente ottiene è una fecondità che lui ed Elisabetta ormai sapevano bene di non potersi dare da soli (cf. v. 18).

Forse il passare degli anni purifica le nostre attese. Guardiamoci però dal lasciare che ci consegni a una disillusione che chiude il futuro. Le tante occasioni perse, le nostre abitudini inveterate finiscono per convincerci di vecchiezza, di un certa incapacità – che poco a poco giungiamo ad avvertire come incapacità certa – di novità.

Proprio allora anche a noi è inviato un angelo. L’angelo è un messaggero, esiste in funzione del messaggio che porta: questa la sua reale consistenza. Viene a dirci: “Non temere”. Si chiama Gabriele, cioè “Dio è la mia forza”. Perché abbiamo bisogno di prestare fede alla forza di questo annuncio per dare anche noi alla luce una nuova vita, una novità di vita. Credendoci, ecco che questa novità, come il Precursore, preparerà in noi e tra di noi una via al Messia veniente.

Zaccaria dovrà imporre alla nuova vita donatagli in Elisabetta il nome Giovanni, cioè “Il Signore fa grazia”. Analogamente possiamo intendere per noi un appello a riconoscere come il Signore ci fa grazia. Non ci arriveremo subito. Resteremo muti, incapaci di nominare tale miracolo. Serve tempo per reimparare ad aprire la bocca per benedire (cf. Lc 1,63-64). Serve una comprensione più profonda, che scavi la nostra così limitata.

Non si tratta infatti di chiamare “grazia” ciò che non lo è. No, non chiamare le tenebre luce, piuttosto rischiarati al discreto fulgore della luce che brilla nonostante le tenebre!

fratel Fabio


Guarda le date dei prossimi incontri in monastero

Sfoglia i libri delle nostre edizioni

Assaggia le nostre specialità


 Se desideri ricevere via email “Il Vangelo del giorno” iscriviti alla lista Leggere il Vangelo con noi.


Se lo desideri, puoi effettuare una donazione per aiutarci a mantenere vive quelle pagine del sito che richiedono maggior cura e aggiornamenti regolari. Grazie