Preghiera per il tempo di avvento: venerdì


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/monast59/public_html/templates/yoo_moustache/styles/bose-home/layouts/article.php on line 44

11 dicembre 2020

MARTIROLOGIO

INTRODUZIONE

Signore, apri le mie labbra
e la mia bocca canterà la tua lode
Dio, fa’ attento il mio orecchio
perché ascolti la tua parola.

Benedetto il Signore Dio, il Dio di Israele
egli solo compie meraviglie
benedetto per sempre il suo Nome di gloria
tutta la terra sia piena della sua gloria.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito santo
com’era nel principio, ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

INNO

È questo il tempo dell’attesa 
risuona un grido di speranza 
ritorna a noi come ha promesso 
colui che fa ogni cosa nuova.

La sentinella nella veglia 
invoca il giorno dalla notte 
volgiamo gli occhi al Dio con noi 
il suo splendore ci pervade.

Lo Sposo viene, andiamo a lui 
la sala è pronta per le nozze 
noi intoniamo il canto nuovo 
è lui che sale dal deserto.

Attingeremo nella gioia 
le acque vive di salvezza 
il Nome suo si effonderà 
sarà profumo inebriante.

La creazione si rallegra 
e nello Spirito proclama 
che il suo Signore è vivente 
insieme al Padre nella gloria.

SALMO 

SALMO  99 (98) Santo è il Signore nostro Dio

Il Signore regna: i popoli tremano
siede sui cherubini: la terra trasale
è grande il Signore in Sion!

È lui l’Altissimo su tutti i popoli
rendano grazie al suo Nome grande e temibile
perché è lui il Santo.

Forza del Re è l’amore per la giustizia
sei tu che hai fissato il diritto
operato la giustizia e il giudizio in Giacobbe.

Esaltate il Signore nostro Dio
prostratevi allo sgabello dei suoi piedi
perché è lui il Santo.

Mosè e Aronne tra i suoi sacerdoti
Samuele tra gli intercessori del suo Nome
invocano il Signore che risponde.

Parla loro da una colonna di nubi
ed essi custodiscono le sue testimonianze
l’insegnamento ad essi consegnato.

Signore nostro Dio, tu rispondi loro
sei per loro un Dio che perdona
ma correggi i loro peccati.

Esaltate il Signore nostro Dio
prostratevi al monte del suo Santo
perché è santo il Signore nostro Dio.

VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Matteo - Mt 24,15-25 (Lezionario di Bose)

In quel tempo mentre Gesù, uscito dal tempio, se ne andava, gli si avvicinarono i suoi discepoli per fargli osservare le costruzioni del tempio. Egli disse loro: «15Quando dunque vedrete presente nel luogo santo l'abominio della devastazione, di cui parlò il profeta Daniele - chi legge, comprenda -, 16allora quelli che sono in Giudea fuggano sui monti, 17chi si trova sulla terrazza non scenda a prendere le cose di casa sua, 18e chi si trova nel campo non torni indietro a prendere il suo mantello. 19In quei giorni guai alle donne incinte e a quelle che allattano!
20Pregate che la vostra fuga non accada d'inverno o di sabato. 21Poiché vi sarà allora una tribolazione grande, quale non vi è mai stata dall'inizio del mondo fino ad ora, né mai più vi sarà. 22E se quei giorni non fossero abbreviati, nessuno si salverebbe; ma, grazie agli eletti, quei giorni saranno abbreviati.
23Allora, se qualcuno vi dirà: «Ecco, il Cristo è qui», oppure: «È là», non credeteci; 24perché sorgeranno falsi cristi e falsi profeti e faranno grandi segni e miracoli, così da ingannare, se possibile, anche gli eletti. 25Ecco, io ve l'ho predetto.

Se vuoi leggi il commento a questo vangelo scritto da un fratello o una sorella di Bose

Fai una breve pausa di silenzio

CONTEMPLAZIONE

℟. Marana tha: vieni, Signore Gesù!

Signore, tutto il creato attende la trasfigurazione
e geme e soffre fino a oggi. ℟.

Signore, Israele attende la consolazione
e colui che tu gli hai destinato come Messia. ℟.

Signore, la chiesa attende la tua venuta gloriosa
e l’unione con te in un solo corpo nel regno. ℟.

Signore, i profughi attendono il ritorno alle loro case
e i prigionieri l’inizio di una vita nuova. ℟.

Signore, i malati attendono la guarigione
e quelli che soffrono la consolazione. ℟.

Signore, ci sono persone che non attendono più nulla
che non sperano più nessuna salvezza. ℟.

Esprimi nel segreto una tua preghiera.

PADRE NOSTRO

PREGHIERA

Dio nostro,
tu hai voluto che tuo Figlio
attraverso il suo abbassamento
condividesse la fatica degli uomini:
fa’ che il nostro lavoro
ci renda vicini a tutti i nostri fratelli
in mezzo alle sofferenze di questo mondo
e noi attenderemo con una più grande speranza
il tuo regno di pace.
Per Cristo nostro Signore.
– Amen.


Musica e testi:

Ecco il Signore viene, Edizioni Qiqajon
Innario di Bose, Edizioni Qiqajon
La preghiera dei giorni, Edizioni Qiqajon