Ferie maggiori di Avvento: 20 dicembre


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/monast59/public_html/templates/yoo_moustache/styles/bose-home/layouts/article.php on line 44

1e54e7ca3774bf0687032bf10c3b3ddf.jpg

20 dicembre 2020

MARTIROLOGIO

INTRODUZIONE

Signore, apri le mie labbra
e la mia bocca canterà la tua lode
Dio, fa’ attento il mio orecchio
perché ascolti la tua parola.

Benedetto il Signore Dio, il Dio di Israele
egli solo compie meraviglie
benedetto per sempre il suo Nome di gloria
tutta la terra sia piena della sua gloria.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito santo
com’era nel principio, ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

ANTIFONA MAGGIORE

O CHIAVE DI DAVID

O Clavis David,
et sceptrum domus Israël,
qui aperis, et nemo claudit,
claudis, et nemo aperit:
veni, et educ vinctum
de domo carceris,
sedentem in tenebris,
et umbra mortis.
 
O Chiave di David
scettro della stirpe di Israele
tu che apri e nessuno può chiudere
tu che chudi e nessuno può aprire
vieni a liberare
i prigionieri della morte.
 
SALMO

SALMO 33 (32) Il giusto fiorirà come palma

Gridate di gioia nel Signore, voi giusti
per i credenti è bella la lode,
rendete grazie al Signore sulla cetra
suonate per lui con l’arpa a dieci corde
cantate a lui un cantico nuovo suonate e cantate con arte.

La parola del Signore è veritiera
nella fedeltà sono tutte le sue azioni
egli ama giustizia e diritto
l’amore del Signore riempie la terra.

Nella parola del Signore fu fatto il firmamento
nel soffio della sua bocca l’universo
racchiude le acque dei mari in un otre contiene in forzieri gli abissi.

Tutta la terra tema il Signore
gli abitanti del mondo di lui abbiano timore
perché egli parla ed ecco,
avviene egli comanda ed ecco, si compie.

Il Signore annulla il piano delle genti
distrugge i progetti dei popoli
ma il piano del Signore si realizza sempre
di età in età i progetti del suo cuore.

Beato il popolo il cui Dio è il Signore
il popolo da lui scelto come proprietà
dall’alto dei cieli il Signore guarda
vede gli uomini tutti.

Egli scruta dal luogo della sua dimora
tutti gli abitanti della terra:
ha plasmato il cuore di ciascuno
e discerne tutte le loro azioni.

Un re non è salvato dal suo grande esercito
un forte non è liberato dal suo grande vigore
per la vittoria il cavallo è un’illusione
un esercito non può dare salvezza.

Gli occhi del Signore su quelli che lo temono
su quelli che sperano nel suo amore
per liberare le loro vite dalla morte
e farli vivere nel tempo della fame.

Sì, noi attendiamo il Signore
è lui il nostro aiuto e il nostro scudo
in lui si rallegra il nostro cuore
abbiamo fede nel suo santo nome:
ci accompagni il tuo amore, Signore
perché noi speriamo in te.

VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Luca - Lc 1,26-38 (Lezionario di Bose)

26Al sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, 27a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. 28Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te».
29A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. 30L'angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. 31Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. 32Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre 33e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
34Allora Maria disse all'angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». 35Le rispose l'angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell'Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. 36Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch'essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: 37nulla è impossibile a Dio». 38Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l'angelo si allontanò da lei.

Fai una breve pausa di silenzio

Se vuoi leggi il commento a questo vangelo scritto da un fratello o una sorella di Bose

CONTEMPLAZIONE

Signore, tu hai scelto Maria
per farne la madre del Salvatore:

guarda con amore
a quelli che attendono la liberazione.


Attraverso un angelo
hai annunciato a Maria la grazia e la pace:

fa’ che riconosciamo in Gesù
colui che colmerà 
la nostra speranza.

Maria ha accolto la Parola,
e il Verbo ha dimorato tra di noi:

donaci un cuore che ascolta
e diventeremo la tua dimora.

Esprimi nel segreto una tua preghiera.

PREGHIERA

Infondi nel nostro spirito la tua grazia, Signore,
affinché noi, che attraverso l’annuncio dell’angelo
abbiamo conosciuto l’incarnazione di tuo Figlio,
per la sua passione e la sua croce
siamo condotti alla gloria della resurrezione.
Per Cristo nostro Signore.
– Amen.

PADRE NOSTRO

BENEDIZIONE

Benediciamo il Signore
– rendiamo grazie a Dio.

Il Padre, dal quale procede ogni paternità
in cielo e sulla terra,
vi conceda di essere rafforzati con potenza dal suo Spirito.
– Amen.


Musica e testi:
Ecco il Signore viene, Edizioni Qiqajon
Salterio di Bose, Edizioni Qiqajon 
La preghiera dei giorni, Edizioni Qiqajon