Ottava di Natale: 1 gennaio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/monast59/public_html/templates/yoo_moustache/styles/bose-home/layouts/article.php on line 44

1 gennaio 2022

MARTIROLOGIO

INTRODUZIONE


Signore, apri le mie labbra


e la mia bocca canterà la tua lode


Dio, fa’ attento il mio orecchio


perché ascolti la tua parola




La terra ha dato il suo frutto
ci benedice Dio, il nostro Dio
ci benedica Dio
e lo adori tutta l'estensione della terra


Gloria al Padre e al Figlio


e allo Spirito santo


com’era nel principio, ora e sempre


nei secoli dei secoli. Amen


INNO



Ecco una voce dal cielo


irrompe a metà della notte


splende la stella di David 


brilla nel buio del mondo.



Ecco è nato il Messia 


pastore del popolo santo 


pietra angolare di Sion 


Re delle genti lontane. 



Ecco la pace di Dio


donata agli uomini amati


cantano gli angeli in cielo


esultano i poveri in terra.



Ecco la fine dei tempi


glorioso ritorna il Signore 


salga dai cuori la lode


ora e nei secoli eterni


SALMO  18 A

Io ti amo, Signore, mia forza
Signore, mia rupe, mia difesa, mio liberatore
Dio mio, roccia su cui mi rifugio
mio scudo, mia forza di salvezza, mio baluardo,
ho esclamato: «Sia lodato il Signore»
sono stato salvato da tutti i miei nemici.

Mi avvolgevano i lacci della morte
mi travolgevano i torrenti di Belial
mi stringevano le catene degli inferi
mi catturavano le reti della morte.

Nella mia angoscia ho invocato: «Signore!»
ho lanciato un grido al mio Dio
dalla sua dimora ha ascoltato la mia voce
ai suoi orecchi è giunto il mio grido.

La terra si turba e trema
vacillano le fondamenta dei monti
si scuotono perché lui si è adirato
si sprigiona un fumo di collera,
dalla sua bocca un fuoco divorante
intorno a lui braci fiammeggianti.

Egli abbassa i cieli e discende
nube oscura sotto i suoi piedi
cavalca un cherubino e vola
plana sulle ali del vento.

Si avvolge delle tenebre come di un velo
fa di acque oscure e di nubi la sua tenda
al suo fulgore si dissolvono le nuvole:
grandine e scintille di fuoco!

L’Altissimo tuona e fa udire la sua voce:
grandine e scintille di fuoco!
il Signore lancia saette e li disperde
sono atterriti dal crepitare dei lampi.

Ecco apparire il fondale dei mari
si scoprono le fondamenta del mondo
alla tua voce che minaccia, Signore
al soffio del vento della tua ira.

Dall’alto mi tende la mano e mi afferra
mi solleva dal vortice delle acque
mi libera dal mio nemico potente
dagli avversari più forti di me.

Aspettavano il mio giorno di sventura
ma il Signore è stato il mio sostegno
mi ha fatto uscire in spazi di libertà
mi ha liberato perché mi vuol bene.

Il Signore mi ricompensa secondo la mia giustizia
mi retribuisce per la purezza delle mie mani
ho custodito le vie del Signore
non sono stato un malvagio lontano dal mio Dio.

I suoi giudizi sono tutti davanti a me
non respingo da me i suoi comandi
io sono irreprensibile per lui
resto vigilante, lontano dal peccato,

il Signore mi ricompensa secondo la mia giustizia
per la purezza delle mie mani tese a lui.
Tu sei fedele con chi è fedele
irreprensibile con chi è irreprensibile
tu sei leale con chi è leale
dal perverso non ti fai ingannare,
tu salvi il popolo degli umili
ma abbassi gli occhi degli orgogliosi.

Signore, tu dai luce alla mia lampada
il mio Dio rischiara la mia tenebra
con te mi getterò nella mischia
col mio Dio scavalcherò le mura.

VANGELO

Dal Vangelo secondo Luca - Lc 2,21 (Lezionario di Bose)

21Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall'angelo prima che fosse concepito nel grembo.

Se vuoi leggi il commento a questo vangelo scritto da un fratello o una sorella di Bose

CONTEMPLAZIONE

Benedetto il Nome del Signore

– dal sorgere del sole al suo tramonto.


O Cristo, Sapienza di Dio,

sei lodato nella santa assemblea,

sei la Parola uscita dalla bocca del Padre.


O Cristo, Sapienza di Dio,

il tuo trono è alla destra del Padre,

ma sei presente tra tutte le genti della terra.


O Cristo, Sapienza di Dio,

hai fissato la tua tenda in Israele,

ti sei stabilito in mezzo al tuo popolo santo.


O Cristo, Sapienza di Dio,

per te ha testimoniato la legge di Mosè,

di te hanno parlato tutti i profeti.


O Cristo, Sapienza di Dio,

fin dal principio sei stato generato,

sei la Parola che rimane in eterno.


ORAZIONE

Padre di eterna gloria,

nella pienezza dei tempi

la tua Parola si è fatta carne

e ha posto la sua tenda tra di noi:

illuminaci con il tuo Spirito santo,

affinché possiamo contemplare la sua gloria,

gloria del Figlio unigenito,

pieno di grazia e di verità,

benedetto ora e nei secoli dei secoli.

– Amen.