Tempo di Natale: Martedì


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/monast59/public_html/templates/yoo_moustache/styles/bose-home/layouts/article.php on line 44

4 gennaio 2022

MARTIROLOGIO

INTRODUZIONE

Signore, apri le mie labbra
e la mia bocca canterà la tua lode
Dio, fa’ attento il mio orecchio
perché ascolti la tua parola.

Esultate, o cieli, rallegrati, o terra
voi monti, gridate di gioia
perché il Signore consola il suo popolo
e ha misericordia dei suoi poveri.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito santo
com’era nel principio, ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

INNO

Dio con noi, Emmanuele
Re che viene nella luce
ecco il tempo ormai compiuto
ecco il mondo che t’attende.

Tu il Signore che ritorna
come ladro nella notte
trova noi oranti e desti
con i cuori saldi e forti.

Venga ai poveri giustizia
venga pace per le genti
vieni presto, Salvatore
come il lampo dall’oriente.

Sulla terra che tu ami
nella storia che tu salvi
cresce il lievito del Regno
e l’attesa del tuo giorno.

Il giardino dell’inizio
è città che a noi discende
dove Dio è tutto in tutti
dove Cristo è sole eterno.

SALMO 89A

2 Canto per sempre l’amore del Signore
di età in età annuncio la tua fedeltà
3 e dico: «È un amore per sempre
la tua fedeltà è più salda dei cieli».

[Infatti il Signore ha detto:]
4 «Ho concluso un’alleanza con il mio eletto
l’ho giurato a David mio servo:
5 Confermerò la tua discendenza per sempre
ti farò un trono che duri in eterno».

6 I cieli cantano il tuo prodigio, Signore
l’assemblea dei santi esalta la tua fedeltà
7 chi è uguale al Signore nei cieli
chi è simile al Signore tra gli dèi?

8 Dio è temuto nell’assemblea dei santi
è temibile per quanti lo attorniano
9 chi come te, Signore, Dio dell’universo?
sei il Signore forte e fedele.

10 Tu domini l’orgoglio del mare
e plachi le sue ondate tempestose
11 tu calpesti Rahab come un morto
con braccio forte disperdi i tuoi nemici.

12 A te appartengono i cieli e la terra
tu hai fondato il mondo e quanto contiene
13 hai creato il settentrione e il meridione
il Tabor e l’Hermon esultano nel tuo Nome.

14 Sì, il tuo braccio è potente
forte la tua mano, sublime la tua destra
15 giustizia e diritto sostengono il tuo trono
grazia e fedeltà precedono il tuo volto.

16 Beato il popolo iniziato alla tua lode
che cammina alla luce del tuo volto
17 tutto il giorno esulta nel tuo Nome
si gloria per la tua giustizia, Signore.

18 Sei tu lo splendore della nostra forza
nel tuo amore esalti il nostro vigore
19 sì, del Signore è il nostro scudo
il nostro Re Messia del Santo di Israele.

20 Un tempo hai parlato ai tuoi fedeli, [Signore]
in una visione tu hai detto loro:
«Ho concesso il mio favore a un eletto
ho innalzato un giovane in mezzo al popolo.

21 «Ho trovato David, mio servo
l’ho unto con il mio santo olio
22 la mia mano sarà sempre con lui
il mio braccio sarà la sua forza.

27 «Mi invocherà: Tu sei mio padre
mio Dio e mia roccia di salvezza!
28 farò di lui il mio primogenito
il più grande tra i re della terra.

29 «Gli conserverò il mio amore in eterno
non verrà meno la mia alleanza con lui
30 stabilirò la sua discendenza per sempre
il suo trono durerà quanto il cielo.

37 «La sua discendenza resterà in eterno
il suo trono davanti a me quanto il sole
38 come la luna fissata per sempre
testimone fedele nei cieli».

VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Giovanni - Gv 1, 9-14 (Lezionario di Bose)

9Veniva nel mondo la luce vera,
quella che illumina ogni uomo.
10Era nel mondo
e il mondo è stato fatto per mezzo di lui;
eppure il mondo non lo ha riconosciuto.
11Venne fra i suoi,
e i suoi non lo hanno accolto.
12A quanti però lo hanno accolto
ha dato potere di diventare figli di Dio:
a quelli che credono nel suo nome,
13i quali, non da sangue
né da volere di carne
né da volere di uomo,
ma da Dio sono stati generati.
14E il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi;
e noi abbiamo contemplato la sua gloria,
gloria come del Figlio unigenito
che viene dal Padre,
pieno di grazia e di verità.

Se vuoi leggi il commento a questo vangelo scritto da un fratello o una sorella di Bose

CONTEMPLAZIONE

℟. Gioia in cielo, esulti la terra!

Dio santo, hai voluto nascere da una donna,
Dio santo e forte, hai riposato sul seno di Maria,
Dio santo e immortale, tu hai desiderato abitare in mezzo a noi. ℟.

Nella carne l’Invisibile è diventato visibile,
il Verbo è disceso dal cielo per liberare il suo popolo
e per strappare l’umanità dall’ombra della morte. ℟.

Tu, o Cristo, sei nato quale figlio di Israele,
per realizzare le promesse fatte ai padri
e compiere tutte le profezie. ℟.

Ti sei fatto povero per farci ricchi della tua povertà,
ti sei abbassato assumendo la forma di uno schiavo
per renderci partecipi della tua gloria divina. ℟.

Noi che eravamo non-popolo,
esclusi dalla misericordia e dalla grazia,
siamo diventati gente santa, popolo di Dio. ℟.

Noi che eravamo senza speranza e senza Dio,
esclusi dall’alleanza e dalla promessa,
abbiamo ricevuto grazia su grazia. ℟.

Esprimi nel segreto una tua invocazione.

PRGHIERA

Preghiamo:

Padre santo,
tu hai voluto rivelarti definitivamente
attraverso la tua Parola fatta carne:
donaci di accoglierla con cuore docile
anche quando ci appare come segno di contraddizione,
affinché nelle prove e nelle sofferenze
continuiamo a credere al tuo amore,
Dio benedetto ora e nei secoli dei secoli.
– Amen.

PADRE NOSTRO

BENEDIZIONE

Benediciamo il Signore
– rendiamo grazie a Dio.

La parola di Dio dimori in voi
e tra di voi abbondantemente
e tutto si compia nel Nome del Signore Gesù.
– Amen.