Battesimo del Signore: introito


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/monast59/public_html/templates/yoo_moustache/styles/bose-home/layouts/article.php on line 44

10 gennaio 2021

DILEXISTI
Dilexisti iustitiam
et odisti iniquitatem:
propter ea unxit te Deus,
Deus tuus, oleo laetitiae
prae consortibus tuis.
Eructavit cor meum verbum bonum:
dico ego opera mea regi
 
Hai amato la giustizia
e odiato l’iniquità:
per questo ti ha unto Dio,
il tuo Dio, con olio di gioia
ti ha preferito ai tuoi compagni
Dal mio cuore sgorgano liete parole:
io proclamo al re il mio poema

La forza propriamente “cristologica” del versetto 8 appare con ancora maggior forza alla luce del testo della Settanta [versione greca della Bibbia], là dove il latino unxit te traduce il greco echrisen se “ti ha unto”, detto altrimenti, sollecitando alla lettera il termine, “ti ha cristificato”, “ti ha fatto cristo”. L’applicazione di questo versetto al Battesimo è particolarmente benvenuta, perché è in effetti l’investitura pubblica di Gesù come Messia e la sua autentificazione come Figlio dal Padre. […]


Se la liturgia di Natale-Epifania illustra in maniera privilegiata la prima definizione che l’apostolo Giovanni da di Dio nella sua prima lettera (riportata dal lezionario feriale di questo tempo): “Dio è luce” (1Gv 1,5), l’introito di questo giorno, alla fine del ciclo natalizio, illustra la seconda: “Dio è amore” (1Gv 4,16), dal momento che pone l’amore all’inizio: Dilexisti. Amore che il Figlio ha per la giustizia, lui che dichiara al Battista: “Conviene che adempiamo ogni giustizia” (Mt 3,15); amore che il Padre dichiara al Figlio facendo “dichiarazione” (declaratio, epifania) di lui al mondo: “Questi è il mio Figlio, l’amato” (Mt 3,17).

La prima parola del nostro introito, Dilexisti, indica il nome che il Padre dà al Figlio nell’intimità trinitaria, Dilectus, ma lo fa ascoltare a ciascuno di coloro che amano questo Figlio, e quest’ultimo ne da lui stesso la certezza: “Il Padre stesso vi ama, perché voi avete amato me” (Gv 16,27).

 
François Cassingena-Trévedy, Chante et marche, Les introït I, Avent-Noel, Temps ordinaire I-II, Ad Solem, Paris 2012, pp. 236.238.

Leggi il commento al Vangelo di questa domenica