Preghiera dei giorni: venerdì


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/monast59/public_html/templates/yoo_moustache/styles/bose-home/layouts/article.php on line 44

11 febbraio 2022

MARTIROLOGIO

INTRODUZIONE

Signore, apri le mie labbra
e la mia bocca canterà la tua lode
Dio, fa’ attento il mio orecchio
perché ascolti la tua parola.

Il mio desiderio è rivolto a te
al ricordo del tuo Nome, Signore
di notte la mia anima ti desidera
al mattino il mio spirito ti cerca nel mio intimo.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito santo
com’era nel principio, ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

INNO

Rinati dalla luce, figli del giorno
Signore, a te veniamo nel mattino
la tua parola dissipa le ombre
e libera dal male il nostro spirito.

O Padre della gloria, Dio vivente
la tua luce splenda ai nostri occhi
da’ a noi l’eredità da te promessa
in Cristo, Figlio tuo primogenito.

Nel giorno in cui creasti Adamo dal fango
l’hai ricreato in Cristo sulla croce
noi contempliamo l’albero di vita
ormai non più vietato dal tuo angelo.

Onore e gloria a te, o Padre del cielo
per mezzo di Gesù il salvatore
nel dono di ogni luce, il santo Spirito
che vive eternamente per i secoli.

SALMO 99

1 Il Signore regna: i popoli tremano
siede sui cherubini: la terra trasale
2 è grande il Signore in Sion!

È lui l’Altissimo su tutti i popoli
3 rendano grazie al suo Nome grande e temibile
perché è lui il Santo.

4 Forza del Re è l’amore per la giustizia
sei tu che hai fissato il diritto
operato la giustizia e il giudizio in Giacobbe.

5 Esaltate il Signore nostro Dio
prostratevi allo sgabello dei suoi piedi
perché è lui il Santo.

6 Mosè e Aronne tra i suoi sacerdoti
Samuele tra gli intercessori del suo Nome
invocano il Signore che risponde.

7 Parla loro da una colonna di nubi
ed essi custodiscono le sue testimonianze
l’insegnamento ad essi consegnato.

8 Signore nostro Dio, tu rispondi loro
sei per loro un Dio che perdona
ma correggi i loro peccati.

9 Esaltate il Signore nostro Dio
prostratevi al monte del suo Santo
perché è santo il Signore nostro Dio.

VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Marco - Mc 7,31-8,10 (Lezionario di Bose)

In quel tempo 31Gesù, uscito dalla regione di Tiro, passando per Sidone, venne verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli. 32Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano. 33Lo prese in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; 34guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e gli disse: «Effatà», cioè: «Apriti!». 35E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente. 36E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo proibiva, più essi lo proclamavano 37e, pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa: fa udire i sordi e fa parlare i muti!». 1 In quei giorni, poiché vi era di nuovo molta folla e non avevano da mangiare, chiamò a sé i discepoli e disse loro: 2«Sento compassione per la folla; ormai da tre giorni stanno con me e non hanno da mangiare. 3Se li rimando digiuni alle loro case, verranno meno lungo il cammino; e alcuni di loro sono venuti da lontano». 4Gli risposero i suoi discepoli: «Come riuscire a sfamarli di pane qui, in un deserto?». 5Domandò loro: «Quanti pani avete?». Dissero: «Sette». 6Ordinò alla folla di sedersi per terra. Prese i sette pani, rese grazie, li spezzò e li dava ai suoi discepoli perché li distribuissero; ed essi li distribuirono alla folla. 7Avevano anche pochi pesciolini; recitò la benedizione su di essi e fece distribuire anche quelli. 8Mangiarono a sazietà e portarono via i pezzi avanzati: sette sporte. 9Erano circa quattromila. E li congedò. 10Poi salì sulla barca con i suoi discepoli e subito andò dalle parti di Dalmanutà.

Se vuoi leggi il commento a questo vangelo scritto da un fratello o una sorella di Bose

CONTEMPLAZIONE

℟. Noi cerchiamo il tuo volto, Signore!

Tu sei un Dio nascosto, elusivo,
sei Presenza invisibile, Signore indicibile. ℟.

In ogni essere umano è possibile incontrarti,
da ogni atto di amore tu sei narrato. ℟.

Tu vieni in aiuto a tutti i figli dell’uomo,
su strade diverse sei da loro cercato. ℟.

Sei tu che ispiri il bene e il bello,
ma sei causa di guerra per chi crede di possederti. ℟.

La tua giustizia si rivela misericordia per noi:
siamo deboli e fragili, viandanti ed erranti. ℟.

Non restare ancora velato da nuvola oscura:
se manifesti il tuo volto, avremo la salvezza. ℟.

Rispondi alla nostra preghiera che invoca il tuo volto:
troveremo unità restando diversi. ℟.

ORAZIONE

Preghiamo:

Padre buono,
Gesù tuo Figlio
si è sottomesso all’obbedienza
per liberarci da ogni peccato
e ristabilirci nella tua alleanza.
Liberaci dall’amore di noi stessi,
affinché respiriamo
nell’esteso spazio della misericordia
e possiamo riconoscerci in alleanza
con i fratelli e le sorelle:
allora sperimenteremo la pace
che deriva dalla sottomissione reciproca.
Esaudiscici, Amore vivente ora e nei secoli dei secoli.

– Amen.

PADRE NOSTRO

BENEDIZIONE

Benediciamo il Signore
– rendiamo grazie a Dio.

Colui che ci ama
e ci ha liberati dal peccato con il suo sangue,
faccia di noi un regno e dei sacerdoti per Dio suo Padre.

– Amen