Domenica delle Palme e della Passione del Signore - Ingresso in Gerusalemme


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/monast59/public_html/templates/yoo_moustache/styles/bose-home/layouts/article.php on line 44

889b2b5aaaca591a9d20e88671a1542d.jpg

 

COMMEMORAZIONE DELL’INGRESSO DEL SIGNORE IN GERUSALEMME

GRANDE KYRIE

INTRODUZIONE

Nel Nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo.
Amen.

Fratelli e sorelle,
questa assemblea liturgica è preludio alla Pasqua del Signore, alla quale ci stiamo preparando con la penitenza e con le opere di carità fin dall’inizio della Quaresima.
Gesù entra in Gerusalemme per dare compimento al mistero della sua morte e resurrezione: accompagniamo con fede e devozione il nostro Salvatore nel suo ingresso nella città santa e chiediamo la grazia di seguirlo fino alla croce, per essere partecipi della sua resurrezione.

BENEDIZIONE DEI RAMI DI ULIVO

Preghiamo:
Dio onnipotente ed eterno, attraverso un ramo di ulivo
hai annunciato a Noè e ai suoi figli il tempo della misericordia
e l’inizio dell’alleanza con ogni carne, e attraverso i rami di ulivo
hai voluto che tuo Figlio Gesù fosse salutato quale Messia, Re di pace, umile e mite,
venuto per compiere l’alleanza definitiva e portare la riconciliazione:
sii benedetto per questi rami
che ci ricordano la tua alleanza perenne con tutta la creazione,
sii benedetto per questa pianta dell’ulivo
che ci dona l’olio della lucerna e della letizia,
sii benedetto per questi rami di ulivo,
segno della gioia pasquale che ci prepariamo a vivere, e accordaci nella tua benedizione
di accogliere gioiosamente colui che viene, Gesù Cristo, il Re,
benedetto ora e nei secoli dei secoli.

– Amen.

SALMO 24

℟. Benedetto il Veniente, il Re nel Nome del Signore!

1 Di David. Salmo.

Del Signore è la terra e quanto contiene
l’universo e quanti vi abitano
2 è lui che l’ha fissata sui mari
resa stabile sugli abissi.

3 Chi può salire sul monte del Signore?
chi può stare nel luogo del suo Santo?
4 Chi ha mani innocenti e cuore puro
chi non consegna agli idoli la sua vita
chi non giura con intenzioni fraudolente.

5 E gli otterrà la benedizione dal Signore
la giustificazione da Dio sua salvezza
6 ecco la generazione che lo cerca
Giacobbe che cerca il suo volto.

7 Alzate, o porte, i vostri frontali
alzatevi, porte eterne
ed entri il Re della gloria!

8 Chi è questo Re della gloria?
il Signore forte e potente
il Signore potente nella lotta!

9 Alzate, o porte, i vostri frontali
alzatevi, porte eterne
ed entri il Re della gloria!

10 Chi è questo Re della gloria?
il Signore di tutto l’universo
egli è il Re della gloria!

 

℟. Pueri hebraeorum, portantes ramos olivarum
obviaverunt Domino, clamantes et dicentes: Hosanna in excelsis!

I bambini ebrei, portando rami d’ulivo
andarono incontro al Signore, acclamando e dicendo: Osanna nell’alto dei cieli!

Domini est terra et plenitudo eius
orbis terrarum et universi qui habitant in eo.
Quia ipse super maria fundavit eum
et super flumina praeparavit eum.
℟.

Del Signore è la terra e quanto contiene
l’universo e quanti vi abitano

è lui che l’ha fissata sui mari
resa stabile sugli abissi.

Quis ascendet in montem Domini?
Aut quis stabit in loco sancto eius?
Innocens manibus et mundo corde
qui non accepit in vano animam suam
nec iuravit in dolo proximo suo.
℟.

Chi può salire sul monte del Signore?
chi può stare nel luogo del suo Santo?
chi ha mani innocenti e cuore puro
chi non consegna agli idoli la sua vita
chi non giura con intenzioni fraudolente.

ORAZIONE

Preghiamo:

Signore Dio,
aumenta la fede di tutti quelli che sperano in te
e concedi alla tua chiesa, ramo santo di ulivo innestato sul ceppo santo di Israele,
di restare fedele alla tua bontà, ottenendo misericordia
attraverso Gesù Cristo, tuo Figlio,
che con te e lo Spirito santo
vive e regna ora e nei secoli dei secoli.
Amen.

VANGELO

Dal Vangelo secondo Matteo –Mt 21,1-11

Quando furono vicini a Gerusalemme e giunsero presso Betfage, verso il monte degli Ulivi, Gesù mandò due discepoli, dicendo loro: «Andate nel villaggio di fronte a voi e subito troverete un’asina, legata, e con essa un puledro. Slegateli e conduceteli da me. E se qualcuno vi dirà qualcosa, rispondete: “Il Signore ne ha bisogno, ma li rimanderà indietro subito”». Ora questo avvenne perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta: «Dite alla figlia di Sion: “Ecco, a te viene il tuo re, mite, seduto su un’asina e su un puledro, figlio di una bestia da soma”».

I discepoli andarono e fecero quello che aveva ordinato loro Gesù: condussero l’asina e il puledro, misero su di essi i mantelli ed egli vi si pose a sedere. La folla, numerosissima, stese i propri mantelli sulla strada, mentre altri tagliavano rami dagli alberi e li stendevano sulla strada. La folla che lo precedeva e quella che lo seguiva, gridava: «Osanna al figlio di Davide! Benedetto colui che viene nel nome del Signore! Osanna nel più alto dei cieli!».

Mentre egli entrava in Gerusalemme, tutta la città fu presa da agitazione e diceva: «Chi è costui?». E la folla rispondeva: «Questi è il profeta Gesù, da Nazaret di Galilea».

PREGHIERA UNIVERSALE

Fratelli e sorelle,
intercediamo presso Dio, nostro Padre.

℟. Kyrie, eleison!

Per la pace di tutto il mondo, per la vita delle chiese,
per l’unità dei cristiani: preghiamo il Signore. ℟.

Per quelli che presiedono le chiese nella carità, per tutti i ministri delle chiese,
per tutto il popolo dei credenti: preghiamo il Signore. ℟.

Per tutti quelli che governano i popoli, affinché instaurino la giustizia sociale
e rispettino la dignità umana: preghiamo il Signore. ℟.

Per la nostra comunità, per il nostro paese,
perché la fede vi si rinnovi: preghiamo il Signore. ℟.

Per i malati e i sofferenti, i perseguitati e gli esiliati,
perché siano liberati dai loro mali: preghiamo il Signore. ℟.

Ascolta, o Padre,
la preghiera della tua chiesa
ed esaudiscila per amore del tuo Nome santo,
benedetto ora e nei secoli dei secoli.

Amen.

BENEDIZIONE 

Dio, Padre di misericordia,
che nella Passione del suo Figlio
ci ha dato il modello dell’amore,
vi faccia gustare l’ineffabile dono della sua benedizione
nell’umile servizio a Dio e ai fratelli.

℟. Amen.

Possiate ottenere da Cristo il dono della vita eterna
per la vostra fede nella sua morte salvifica.

℟. Amen.

Voi, che seguite l’esempio di umiltà lasciato da Cristo,
possiate aver parte alla sua risurrezione.

℟. Amen.

E la benedizione di Dio onnipotente,
Padre e Figlio e Spirito Santo,
discenda su di voi e con voi rimanga sempre.

℟. Amen.