Domenica delle Palme e della Passione del Signore - Sera


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/monast59/public_html/templates/yoo_moustache/styles/bose-home/layouts/article.php on line 44

41ad36ac55eed5da839d9c695bb74cc2.jpg

 INTRODUZIONE

Sia benedetto il nostro Dio in ogni tempo
– ora e sempre, nei secoli dei secoli. Amen.

Venite, adoriamo Dio nostro Re
– adoriamo il Cristo in mezzo a noi
nostro Re e nostro Dio.

Venite, inchiniamoci davanti al Signore
nostro Re e nostro Dio
– Dio santo, Dio santo e forte, Dio santo e immortale
abbi pietà di noi.

INNO

Avanza il vessillo regale
rifulge la croce gloriosa
colui che ha creato la vita
è appeso, innalzato sul legno. 

Trafitto da un colpo di lancia
fa uscire il sangue e l’acqua
sorgente che lava le colpe
cancella i peccati del mondo.

O albero santo e glorioso
ornato dal manto regale
sei talamo, trono e altare
al corpo di Cristo Signore. 

O croce innalzata sul monte
che apri le braccia al Messia
raduni i figli dispersi
fai pace tra il cielo e la terra.

O sola speranza di vita
o segno del Figlio veniente
o vera sapienza di Dio
attira lo sguardo dell’uomo.

 

SALMO 102

1 Preghiera di un povero che soffre e sfoga davanti a Dio il suo lamento.

2 Signore, ascolta la mia preghiera
il mio grido giunga fino a te,
3 non nascondere a me il tuo volto
nel giorno in cui sono nell’angoscia
verso di me piega il tuo orecchio
quando ti chiamo, presto, rispondimi.

4 Come fumo svaniscono i miei giorni
le mie ossa ardono come brace,
5 il mio cuore secca come erba falciata
mi dimentico di mangiare il mio pane
6 a forza di gridare il mio lamento
la mia pelle aderisce alle mie ossa.

7 Somiglio alla civetta del deserto
sono come il gufo tra le rovine
8 nella notte resto insonne a vegliare
solitario come un passero su un tetto.

9 I miei nemici mi oltraggiano tutto il giorno
accaniti imprecano contro di me
10 la cenere è il pane che mangio
alla mia bevanda mescolo le lacrime.

11 A causa della tua collera e del tuo sdegno
mi hai sollevato e poi scagliato a terra
12 i miei giorni come l’ombra che declina
e io avvizzisco come l’erba.

13 Ma tu, Signore, regni per sempre
il tuo ricordo di età in età,

14 tu sorgerai e avrai compassione di Sion
l’ora è venuta di usarle misericordia:

15 i tuoi servi hanno care le sue pietre
per la sua polvere provano amore.

16 Le genti temeranno il Nome del Signore
la tua gloria tutti i re della terra,

17 quando il Signore ricostruirà Sion
quando vi apparirà nella sua gloria

18 esaudirà la preghiera del solitario
non avendo disprezzato la sua supplica.

19 Si scriva questo per la generazione futura
e il popolo ricreato loderà il Signore:

20 dall’alto del Santo osserva il Signore
dai cieli egli guarda sulla terra

21 per ascoltare il lamento del prigioniero
per liberare i condannati alla morte.
22 Il Nome del Signore sarà esaltato
in Sion sarà lodato in tutta Gerusalemme

23 quando si raduneranno i popoli e i regni
e insieme serviranno il Signore.

24 Lungo il cammino [il Signore] ha fiaccato la mia forza
ha abbreviato il numero dei miei giorni
25 e io ho gridato: «Mio Dio!
non prendermi alla metà dei miei giorni!».

I tuoi anni nei secoli dei secoli
26 dal principio hai fondato la terra,
i cieli sono opera delle tue mani
27 ma essi passeranno, tu resterai
si consumano come un tessuto
come un vestito tu li rinnoverai.

28 Saranno rinnovati, ma tu resterai
i tuoi anni non hanno mai fine
29 i figli dei tuoi servi avranno una dimora
la loro discendenza resterà alla tua presenza.

APOSTOLO

Dalla Lettera di Paolo apostolo ai cristiani di Filippi – Fil 2,6-11

Cristo Gesù,
pur essendo nella condizione di Dio,
non ritenne un privilegio
l’essere come Dio,
ma svuotò se stesso
assumendo una condizione di servo,
diventando simile agli uomini.
Dall’aspetto riconosciuto come uomo,
umiliò se stesso
facendosi obbediente fino alla morte
e a una morte di croce.
Per questo Dio lo esaltò
e gli donò il nome
che è al di sopra di ogni nome,
perché nel nome di Gesù
ogni ginocchio si pieghi
nei cieli, sulla terra e sotto terra,
e ogni lingua proclami:
«Gesù Cristo è Signore!»,
a gloria di Dio Padre.

 

INTERCESSIONE

. Kyrie, eleison!

Certa è la tua resurrezione, Signore.
Noi ti preghiamo per tutti gli uomini e tutte le donne:
la loro fatica nel vivere è ricerca di amore. ℟.

Prossimo è il tuo Giorno, Signore.
Noi ti preghiamo per quanti conoscono la sofferenza:
il loro lamento è richiesta di liberazione. ℟.

Vicino è il tuo regno, Signore.
Noi ti preghiamo per quelli che muoiono:
la loro agonia è desiderio di vita eterna. ℟.

Salda nella fede è la tua chiesa, Signore.
Noi ti preghiamo per tutti i cristiani:
la loro testimonianza diventi comunione nella fede. ℟.

Piccola e povera è la tua comunità, Signore.
Noi ti preghiamo per la nostra vita nell’alleanza:
cresca il nostro amore per te e crescerà l’amore reciproco. ℟.

ORAZIONE

Preghiamo:
Dio onnipotente,
nel fervore dell’attesa
noi ci prepariamo a celebrare
il memoriale della resurrezione di tuo Figlio:
concedici di partecipare un giorno
alla sua vittoria sulla morte.
Egli è il Vivente con te e lo Spirito santo
ora e nei secoli dei secoli.

– Amen.

BENEDIZIONE

Il Signore della pace vi conceda lui stesso la pace
sempre, in ogni maniera,
e sia con voi tutti.

– Amen.