Giovedì santo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/monast59/public_html/templates/yoo_moustache/styles/bose-home/layouts/article.php on line 44

PREGHIERA DEL MATTINO

INTRODUZIONE

Signore, apri le mie labbra
e la mia bocca canterà la tua lode
Dio, fa’ attento il mio orecchio
perché ascolti la tua parola.

Le misericordie del Signore non sono finite
non sono esaurite le sue compassioni
esse sono rinnovate ogni mattina
perché grande è la sua fedeltà.

Dio santo, Dio santo e forte
Dio santo e immortale
abbi pietà di noi.

INNO

O Cristo parola vivente
splendore del volto del Padre
per te ogni cosa è creata
a te ogni cosa ritorna.

Uscito dal Padre immortale
venuto nel mondo nemico
hai posto tra noi la dimora
per darci la vita e la grazia.

Caduto a terra nel solco
qual seme di vita divina
morendo hai vinto la morte
primizia di resurrezione.

Con te noi vogliamo morire
in te ritornare alla vita
nel Soffio che tutto ricrea
saremo il Figlio di Dio.

SALMO 23

1 Salmo. Di David.

Il Signore è il mio pastore
non manco di nulla
2 in pascoli di erbe verdeggianti
mi fa riposare.

Ad acque quiete mi conduce
3 ricrea la mia vita
mi guida sul giusto sentiero
per amore del suo Nome.

4 Se anche vado nell’oscura valle della morte
non temo alcun male
il tuo bastone e la tua verga mi consolano
e tu sei con me.

5 Per me tu imbandisci una tavola
di fronte ai miei nemici
con olio profumato ungi il mio capo
il mio calice è inebriante.

6 Bontà e amore mi accompagneranno
tutti i giorni della mia vita
abiterò nella dimora del Signore
per giorni senza fine.

VANGELO

Dal Vangelo secondo Matteo – Mt 26,17-25

17Il primo giorno degli Azzimi, i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero: «Dove vuoi che prepariamo per te, perché tu possa mangiare la Pasqua?». 18Ed egli rispose: «Andate in città da un tale e ditegli: «Il Maestro dice: Il mio tempo è vicino; farò la Pasqua da te con i miei discepoli»». 19I discepoli fecero come aveva loro ordinato Gesù, e prepararono la Pasqua. 20Venuta la sera, si mise a tavola con i Dodici. 21Mentre mangiavano, disse: «In verità io vi dico: uno di voi mi tradirà». 22Ed essi, profondamente rattristati, cominciarono ciascuno a domandargli: «Sono forse io, Signore?». 23Ed egli rispose: «Colui che ha messo con me la mano nel piatto, è quello che mi tradirà. 24Il Figlio dell’uomo se ne va, come sta scritto di lui; ma guai a quell’uomo dal quale il Figlio dell’uomo viene tradito! Meglio per quell’uomo se non fosse mai nato!». 25Giuda, il traditore, disse: «Rabbì, sono forse io?». Gli rispose: «Tu l’hai detto».

Se vuoi leggi il commento a questo vangelo scritto da un fratello o una sorella di Bose

CONTEMPLAZIONE

. Kyrie, eleison! Christe, eleison! Kyrie, eleison!

Agnello immolato fin dalla fondazione del mondo,
il tuo corpo è diventato nostro cibo. ℟.

Agnello irreprensibile e senza macchia,
il tuo sangue è versato in remissione dei peccati. ℟.

Agnello vera vittima pasquale offerta per noi,
sei il memoriale della nostra liberazione dalla schiavitù. ℟.

Agnello afono condotto al macello,
hai portato i nostri peccati nel tuo corpo. ℟.

Agnello diventato il Pastore grande delle pecore,
hai concluso l’alleanza eterna nel tuo sangue. ℟.

ORAZIONE

Preghiamo:
Signore del mondo,
tutto hai deposto nelle mani di tuo Figlio
ed egli ha compiuto la tua volontà
deponendo la sua vita per coloro che gli hai affidato:
nel mistero della sua Pasqua
fa’ passare l’umanità dalle tenebre alla luce,
dalla schiavitù alla libertà,
dalla morte alla vita,
Dio benedetto ora e nei secoli dei secoli.

– Amen.

PADRE NOSTRO

Padre santo, tu sai ciò di cui abbiamo bisogno
– con fiducia noi ti preghiamo.

Padre nostro ...

BENEDIZIONE

Il Cristo abiti per la fede nei vostri cuori,
vi radichi e vi confermi nella carità.

– Amen.