Intronizzazione di Giovanni X, patriarca di Antiochia

 

E sulla scia di queste parole e della calda premurosa ospitalità del patriarca Youhanna e dei suoi dinamici collaboratori si è snodata nella pace fraterna tutta la giornata di domenica 17 febbraio, iniziata con la prima divina liturgia del nuovo patriarca a Beirut, nella cattedrale di San Nicola, seguita dall’incontro con la gente e dal pranzo fraterno, una giornata che ha permesso di reincontrare tanti amici della comunità rappresentanti tutte le chiese ortodosse locali e le antiche chiese orientali: il metropolita di Beirut Elias Audi, il metropolita del Monte Libano, George Khodr, il patriarca maronita Bshara Rai, quello melkita Grigorios III, quello siro-giacobita Ignatios Zakka, il catholikos di Cilicia degli armeni Aram I, l’arcivescovo di Cipro Chrysostomos con il metropolita Eugenio di Ierapytnis e il vescovo Porphyrios, il metropolita di Praga Krystof, il cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani, con il sottosegretario don Andrea Palmieri, i metropoliti Elpidophoros e Emmanuil del patriarcato ecumenico, Gavriil del patriarcato di Alessandria, Aristarchos e Timotheos del patriarcato di Gerusalemme, Ilarion del patriarcato di Mosca, Theodoros della chiesa di Georgia, Panteleimon di Veria e la delegazione della chiesa di Grecia, Abel della chiesa ortodossa di Polonia, Benjamin e Irinej con p. Leonid Kishkovsky della chiesa ortodossa d’America, Athanase e Ignatje della chiesa di Serbia, Dimitrios della chiesa ortodossa di Albania, l’Igumeno Elisseos di Simonos Petras con p. Seraphim, p. Spyridon di Mikra Aghia Anna, il monaco Niphon di Vatopedi, l’igumeno Simeon di San Giorgio di Mavrovouni (Cipro), p. Theophilos del monastero di Santa Caterina del Sinai, fr. Emile di Taizé, p. Ioan Sauca di Bossey, Michel Nseir del Consiglio ecumenico delle chiese e Tarek Mitri, il vescovo di Magdeburgo Gehrard Feige, copresidente del gruppo di riflessione teologica Saint Irenée, con il cosegretario prof. Johannes Oeldemann di Padeborn, Hans Marte, presidente di Pro Oriente…