Il diritto di essere una minoranza

 

Eppure la tragica quotidianità di queste vicende dovrebbe interrogare anche il nostro vivere giorno dopo giorno la presenza della fede religiosa nella società civile, anche in quella più secolarizzata. Dovremmo interrogarci sul reale rispetto dei diritti, anche religiosi, delle minoranze: riconoscere, salvaguardare, promuovere la dignità di ogni persona e la possibilità di vivere e testimoniare anche comunitariamente e nello spazio pubblico la propria fede è compito non solo degli organismi internazionali, degli stati e delle loro legislazioni, ma anche di ogni cittadino che con il suo comportamento può favorire oppure contrastare questa civile convivenza quotidiana. Recentemente, i patriarchi cattolici del Medioriente hanno ribadito che “cristiani e musulmani attingiamo a un’eredità unica di cultura e civiltà ... Noi vogliamo salvaguardarla, farla evolvere, riattivarla in modo che sia fondamento della nostra convivialità e della nostra solidarietà fraterna. I cristiani d’oriente sono una parte inseparabile dell’identità culturale dei musulmani e i musulmani sono una parte inseparabile dell’identità culturale dei cristiani. Così siamo tutti responsabili gli uni degli altri e di fronte alla storia”. Parole sapienti e chiare che tuttavia non riescono a impedire che la crescente pressione del fondamentalismo islamico induca i cristiani del Medioriente alla fuga o li costringa a vivere in condizioni di ostilità, diffidenza, ghettizzazione, smentendo strade percorse nel passato.

Pubblicato su: La Stampa