Fare guerra alla guerra

14 09 07 merthon pace post cristianaLungi dal chiedere che la folle corsa alla distruzione sia accelerata, mi sembra che la morale cristiana imponga a ciascuno di noi singolarmente l’obbligo di protestare contro questa corsa agli armamenti e di lavorare per la creazione di un’autorità internazionale, con potere e sanzioni che siano in grado di controllare la tecnologia e di orientare la nostra sbalorditiva abilità al servizio dell’uomo, anziché contro di lui.

Non è sufficiente affermare che dovremmo provare a lavorare per il disarmo negoziato, o che un blocco di potere o l’altro dovrebbero prendere l’iniziativa e disarmare unilateralmente. Metodi e politiche possono e devono essere considerati opportunamente. Ma ciò che più ha importanza è l’obbligo di muoversi in ogni modo possibile in direzione della pace, a ogni costo, utilizzando tutti i metodi tradizionali e legittimi, cercando al tempo stesso di inventare misure nuove e originali per ottenere il nostro fine.

Molto tempo fa, ancora prima della bomba atomica (nel 1944), papa Pio XII aveva dichiarato che era nostro supremo obbligo fare “guerra alla guerra”. A quel tempo aveva messo in evidenza il nostro obbligo morale di vietare tutte le guerre di aggressione, specificando che questo dovere era vincolante per tutti e che “non tollera nessun ritardo, nessuna dilazione, nessuna esitazione, nessun sotterfugio”. E che cosa abbiamo fatto da allora? La bomba atomica, la bomba h, il missile balistico intercontinentale, lo sviluppo ulteriore delle armi chimiche e batteriologiche, e ogni possibile scappatoia e sotterfugio per giustificare il loro utilizzo senza limiti, non appena l’una o l’altra nazione ne dichiarino la convenienza! Perciò nei suoi messaggi di Natale del 1954 e del 1955 Pio XII rinnovò le sue suppliche alle nazioni per dichiarare illegale la guerra atomica, biologica e chimica: “Da parte nostra faremo instancabilmente ogni sforzo per realizzare, tramite degli accordi internazionali, sempre riconoscendo il principio della legittima autodifesa, l’effettiva proibizione e il bando della guerra atomica, biologica e chimica” (1954) …

Quindi un cristiano, che non sia disposto a prevedere la creazione di un’autorità internazionale efficace che controlli i destini dell’uomo nei confronti della pace, non sta agendo e pensando come un membro maturo della chiesa. Non ha prospettive pienamente cristiane: ottiche simili devono, per loro stessa natura, essere “cattoliche”, il che significa mondiali. Devono considerare le necessità dell’umanità e non la convenienza momentanea e la politica miope di una particolare nazione.

Vai al libro: Th. Merton, La pace nell’era postcristiana