Una madre

9f1dfb641f77ac15316732ed1c5bcf8b.jpg

Se caschi, non muoverò un dito.
Come fossi io tua figlia ti amo,
Compiaciuta di questo mio sogno
Senza pietà né riguardi.

Questo io t’insegno: che alle labbra
Serve essere ferro arroventato
E che più utili di tappeti vellutati
Sono ai calcagni teneri i chiodi.
E ancora: nelle notti senza stelle
Ci siano baratri dov’è il tuo piede.

Primogenita mia dalla sporgente
Fronte! Meglio per te piuttosto
Che ricevere i miei insegnamenti
Era restare nel grembo di tua madre.


Marina Cvetaeva in Siamo fragili, spariamo poesia