La cura delle parole - manifesto

3034c22185929a51259983b827f62a0b.jpg

Un nuovo viaggio tra pagine, copertine, libri, parole, per farvi compagnia e donarvi occasioni per pensare.

Dal racconto della Genesi veniamo a sapere che la parola mette ordine nel caos del mondo. E può mettere ordine anche nel caos che c’è in noi.

Le parole quindi ci possono curare? Sì, la parola è il luogo della nostra umanità: ci dà coscienza e ci situa davanti agli altri. Essa è al cuore di tutte le relazioni sociali e politiche.

E noi possiamo curare le parole? Sì, anzi dobbiamo curare le parole, per non precipitare nella barbarie di rapporti disumani. Le parole possono fare bene, ma anche molto male se sono volgari, inadeguate, sciatte, superficiali o offensive.

Aver cura delle parole è espressione di una cura verso noi stessi, verso chi ci è accanto e verso il mondo in cui siamo immersi.

La parola allora richiede una grande responsabilità: è nostro compito lottare contro la volgarità e superficialità, contro la manipolazione della parola che diviene manipolazione degli altri.

Ecco il motivo di questo nuovo appuntamento: vi proporremo in questa NewsLetter alcuni contenuti tratti da nostre pubblicazioni o da testi presenti nel nostro sito, ma anche consigli di lettura che provengono da articoli o libri che ci sono particolarmente piaciuti, e poi commenti sulle nostre copertine, e ogni tanto interviste a chi lavora nel mondo del libro.

Buona lettura!