Lettera del santo Padre Francesco al fondatore del monastero di Bose in occasione del  50.mo anniversario della comunità monastica

Leggi tutto: Lettera del santo Padre Francesco al fondatore del monastero di Bose in occasione del  50.mo...

Al Caro 
Fr. Enzo Bianchi, Fondatore del Monastero di Bose

In occasione del 50° anniversario di fondazione di codesta Comunità monastica, mi associo spiritualmente al vostro rendimento di grazie al Signore per questi anni di feconda presenza nella Chiesa e nella società, mediante una peculiare forma di vita comunitaria sorta nel solco degli orientamenti del Concilio Vaticano II.

Continua la lettura

Il discernimento? È capire la volontà di Dio

Leggi tutto: Il discernimento? È capire la volontà di Dio

Avvenire 10 ottobre 2018

Il discernimento è un dono tra i doni dello Spirito santo fatti al credente ma, in via preliminare, non si deve mai dimenticare che il dono per eccellenza, la cosa buona tra le cose buone (cf. Lc 11,13), è lo Spirito santo stesso. Non si confondano dunque i doni con il Dono e si faccia discernimento, si riconosca che in verità lo Spirito è “il dono settiforme” (inno Veni Creator Spiritus), la fonte di tutti i doni. Chiarito questo primum essenziale, occorre chiedersi: come si può definire il discernimento?

Continua la lettura

E il Verbo disse: uomo di che pasta sei fatto?

Leggi tutto: E il Verbo disse: uomo di che pasta sei fatto?

Avvenire 21 agosto 2018

In Gesù Cristo Dio ha vissuto l’esperienza dell’umano dal di dentro, facendo avvenire in sé l’alterità dell’uomo. Scrive Ippolito di Roma: “Noi sappiamo che il Verbo si è fatto uomo, della nostra stessa pasta (uomo come noi siamo uomini!)”. Gesù di Nazaret ha narrato, spiegato, visibilizzato Dio nello spazio dell’umano: “Ecce homo! Ecco l’uomo!” (Gv 19,5). Ha dato sensi umani a Dio consentendo a Dio di fare esperienza del mondo e dell’alterità umana e al mondo e all’uomo di fare esperienza dell’alterità di Dio.

Continua la lettura

L’urgenza della gioia

Leggi tutto: L’urgenza della gioia

L'Osservatore Romano 29 maggio 2018

Una lettura della «Gaudete et exsultate»
La santità deve essere cercata nella vita quotidiana, non ispirata a modelli ideali, astratti, sovraumani e raccontata come perfezione raggiunta. Ognuno ha una propria strada per la santità, strada tracciata dal Signore e che può essere percorsa anche in mezzo a imperfezioni e cadute, ma strada illuminata e fatta percorrere dalla grazia del Signore.

Continua la lettura