I confini dell'etica


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/monast59/public_html/templates/yoo_moustache/styles/bose-home/layouts/article.php on line 44

Bassorilievo in bronzo cm  41,5 x 28,5  - Raccolta Manzù  -  Ardea Italia
GIACOMO MANZU', Adamo ed Eva - 1929
Articolo di Enzo Bianchi
Nessuno di noi può affermare la propria estraneità assoluta al male che un altro essere umano è stato capace di compiere: gli orrori che sovente ci affrettiamo a definire “inumani”

La StampaTuttolibri, 5 maggio 2007

Il discernimento etico attraversa l’intera bibbia, fin dalle sue prime pagine: nel libro della Genesi l’albero della conoscenza del bene e del male è collocato assieme all’albero della vita al cuore di quel giardino dell’Eden che accoglie e rappresenta gli elementi fondanti la condizione umana. E, non a caso, la possibilità e capacità di scelta è posta in stretta relazione proprio con il concetto di limite e di confine. L’essere umano non accetta il limite – l’esortazione a rispettare un limite è la parola prima di Dio all’umanità: “potrai mangiare di ogni albero, eccetto uno” - e, rifiutando la propria condizione di essere limitato, subisce il “confino”, l’espulsione al di là di una frontiera delimitata e invalicabile (cf. Gen 2,16; 3,2.23-24). Ma non è solo la tradizione biblica – e quindi quella ebraica e cristiana – a trasmettere il discrimine fondamentale tra bene e male, ma ogni ambito di pensiero umano, sia esso mitologico, religioso o semplicemente giuridico-legislativo, in ogni epoca e cultura, a qualsiasi latitudine e sotto qualunque regime politico e amministrativo, da quello tribale a quello statuale o sovranazionale.