I cristiani e la politica, l'utopia di un partito afono

Va riaffermato che i cristiani vivono nel mondo come gli altri uomini, sono cittadini come gli altri, devono essere responsabili della costruzione della polis come tutti gli altri: non è loro concesso di disertare dalla città, né di fare una “fuga mundi” disinteressandosi dell’evoluzione del vivere civile, ma con creatività, intelligenza e competenza devono prendere parte alla realizzazione di una società in cui crescano l’umanizzazione e la qualità della convivenza.

I cristiani però – proprio perché il loro “Dio è un’idea politica”, come ricorda il grande teologo J.B. Metz – possiedono una determinata visione del mondo e dell’essere umano, hanno delle convinzioni che non vanno assolutamente relegate nell’intimo o nel privato, ma che, in una società pluralista come la nostra, devono essere presenti e ascoltabili nello spazio pubblico, sociale e politico. La fede cristiana che confessa un Dio che si è fatto uomo, storia degli uomini, non può accettare di non contribuire a plasmare la vita sociale e la cultura degli uomini: senza rivendicare una superiorità rispetto al contributo di altre componenti religiose, filosofiche o ideologiche, senza chiedere privilegi o ascolti discriminanti, i cristiani vogliono e devono poter esprimere le loro convinzioni nello spazio pubblico e politico e poter di conseguenza lavorare a servizio dell’umanità. Essi sono coscienti che ciò che viene chiesto dalla loro fede è sempre umanizzazione, difesa della dignità umana, promozione della giustizia, della pace e della riconciliazione.

Pubblicato su: La Stampa