C'è bisogno dei cattolici in politica

Multithumb found errors on this page:

There was a problem loading image 'images/stories/priore/articoliquotidiani/Composizione_2007_temperasucarta(1).jpg'
There was a problem loading image 'images/stories/priore/articoliquotidiani/Composizione_2007_temperasucarta(1).jpg'
2007, tempera su carta
PIERO RUGGERI, Composizione
La Stampa, 7 febbraio 2010
di ENZO BIANCHI
Per un cristiano in politica vale il monito rivolto da Gesù ai suoi discepoli nel metterli in guardia dal comportarsi come “i dominatori delle nazioni”: “Non sic in vobis! Non così tra voi!”

 

La Stampa, 7 febbraio 2010

Nella sua prolusione al recente Consiglio permanente della CEI il cardinale Bagnasco, rivolgendosi ai suoi confratelli nell’episcopato, evocava “un sogno, di quelli che si fanno ad occhi aperti, e che dicono una direzione verso cui preme andare. Mentre incoraggiamo i cattolici impegnati in politica ad essere sempre coerenti con la fede che include ed eleva ogni istanza e valore veramente umani, vorrei che questa stagione contribuisse a far sorgere una generazione nuova di italiani e di cattolici che, pur nel travaglio della cultura odierna e attrezzandosi a stare sensatamente dentro ad essa, sentono la cosa pubblica come importante e alta, in quanto capace di segnare il destino di tutti, e per essa sono disposti a dare il meglio dei loro pensieri, dei loro progetti, dei loro giorni”. Parole urgenti e decisive per la polis: nessuna intrusione nella politica, ma la richiesta ai fedeli cattolici a ripensare il loro impegno politico come un servizio, superando l’attuale fase di profonda disaffezione.

Almeno dalla nascita della repubblica, la politica nel nostro paese ha conosciuto la presenza attiva di cittadini cattolici che, ispirati dalla loro fede e accompagnati dalla dottrina sociale della chiesa, hanno saputo offrire un contributo determinante alla costruzione della democrazia. L’idea di un’Europa unita, la difesa dei diritti della persona, la lotta per la libertà, l’affermarsi della solidarietà sociale hanno avuto tra i loro ispiratori e propulsori convinti i laici cristiani. Soprattutto i cattolici italiani avevano la consapevolezza che la politica potesse essere “l’espressione più alta della carità”, secondo la parola di Pio XI e che, quindi, fare politica fosse per loro non solo un diritto, ma soprattutto un dovere. Una consapevolezza, questa, che nasceva dall’essere cittadini, appartenenti alla societas, intesa soprattutto come communitas: in questa ottica la politica appare per il cristiano una vocazione che esclude evasioni dalla storia e propugna uno sforzo arduo e costante per calarsi sul terreno delle realtà concrete e compiere azioni che siano nello stesso tempo, come ricordava Zaccagnini, “coerenti con le ispirazioni e gli ideali e compatibili con la realtà”. Forte di questa appartenenza alla polis e distinguendo tra ciò che è di Cesare e ciò che è di Dio, il cristiano opera nella società assieme agli altri cittadini, non imponendo la propria fede, ma animato e guidato da essa.

Pubblicato su: La Stampa