images/ospitalita/convegni_liturgia/2018_prossimita/cli_lab_2/CLI_liturgia_arch_part.gif

Laboratorio nato dalla collaborazione tra l'Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto della Conferenza Epoiscopale Italiana e il Monastero di Bose

Professionisti partecipanti: Enrica Aselle, Jonnabelle Asis, Alessandro Bellini, Jacopo Benedetti, Marcello Branzanti, Emanuele Cavallini, Luca Chiappetta, Luca Corona, Francesca Daprà, Giulia De Lucia, Maurizio Di Rienzo, Giacomo Fuk, Alberto Gianfreda, Davide Fusari, Luca Girello, Bartomeu Jané, Vittorio Pio Incampo, Serena Laborante, Sofia Novelli, Marco Riso, Rocco Rosi, Elisabetta Tagliabue, Giorgio Valli, Giovanni Zaccaria.

Tutores e revisori: don Valerio Pennasso, CEI - Andrea Longhi, Politecnico di Torino - Luigi Bartolomei, Università di Bologna - Elia Fiore, Monastero di Bose - Andrea Zappacosta, Ufficio BBCC CEI - Giuseppe Giccone Ufficio BBCC CEI.

Segui i lavori su questa pagina sul canale youtube e sulla pagina facebook

Insieme per costruire

Leggi tutto: Insieme per costruire

Il percorso del CLI/LAB 2

di Emanuele Cavallini e Giulia De Lucia

Sulla scorta dei seminari svolti a Bose, i gruppi CLI /lab hanno impostato un metodo partecipativo con le diocesi coinvolte, al fine di tradurre in maniera più efficace le esigenze della comunità nella redazione del documento ufficiale. L’approccio partecipativo si è rivelato un prezioso strumento di dialogo tra CEI e diocesi, e tra diocesi e parrocchie, in grado di facilitare la condivisione degli obiettivi.

Continua la lettura

Verifica di percorso

Leggi tutto: Verifica di percorso

Incontro intermedio CLI/LAB 2

di Emanuele Cavallini e Giulia De Lucia

I quattro gruppi di lavoro e i delegati diocesani si sono confrontati sulle attività svolte sul territorio, al fine di focalizzare le esperienze condivise tra le quattro realtà ragionando sulle criticità comuni, incontrate, affrontate, risolte e irrisolte. Tale momento di confronto e condivisione ha mirato a gettare le basi per una riflessione di più ampio respiro in cui si possa costruire l’approccio - non la soluzione - a problematiche comuni, che sia efficace anche per altre realtà diocesane sul territorio nazionale.

Continua la lettura