Preghiera dei giorni: martedì (III)

3 novembre 2020

MARTIROLOGIO

INTRODUZIONE

Signore, apri le mie labbra
e la mia bocca canterà la tua lode
Dio, fa’ attento il mio orecchio
perché ascolti la tua parola.

Signore, a te grido, accorri in mio aiuto;
porgi l’orecchio alla mia voce quando t’invoco.
La mia preghiera stia davanti a te come incenso,
le mie mani alzate come sacrificio della sera.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito santo
com’era nel principio, ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

INNO

Il giorno risplende di luce
la terra è ripiena di gloria
torniamo a pregarti con fede
o Cristo Signore del mondo.

Da’ senso alla nostra esistenza
feconda ogni nostro lavoro
l’enigma tremendo del male
diventi mistero d’amore.

Si compie già ora nel tempo
il tuo disegno nascosto
il Regno fiorisce e matura
la storia diventa salvezza.

SALMO 62

2 In Dio solo io trovo riposo
da lui la mia salvezza
3 lui solo è mia roccia e mia salvezza
mio riparo: non vacillerò.

4 Fino a quando vi scaglierete contro un uomo
tutti insieme per abbatterlo
come fosse una parete inclinata
un muro che crolla?

5 Pensano solo a farlo cadere
si compiacciono di mentire
a parole con le labbra benedicono
nell’intimo maledicono.

6 In Dio solo cerca riposo, anima mia
da lui la mia speranza
7 lui solo è mia roccia e mia salvezza
mio riparo: non vacillerò.

8 Io trovo la mia salvezza e la mia gloria
presso il mio Dio
presso Dio la mia roccia fortificata
il mio riparo sicuro.

9 Mettete in lui la fiducia per sempre
voi, suo popolo
aprite a lui il vostro cuore
nostro rifugio è Dio.

10 I figli di Adamo null’altro che un soffio
il mortale un’illusione
posti sulla bilancia tutti insieme
ribaltano in alto.

11 Non mettete la fiducia nella violenza
non illudetevi sui profitti
non attaccate il cuore alle ricchezze
anche se crescono.

12 Dio ha pronunciato una parola
due ne ho ascoltate:
a Dio appartiene la forza
13 a te, Signore, la grazia
e tu renderai a ogni uomo
secondo le sue azioni.

VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Luca - Lc 14,15-24 (Lezionario di Bose)

In quel tempo 15uno dei commensali disse a Gesù: «Beato chi prenderà cibo nel regno di Dio!». 16Gli rispose: «Un uomo diede una grande cena e fece molti inviti. 17All'ora della cena, mandò il suo servo a dire agli invitati: «Venite, è pronto». 18Ma tutti, uno dopo l'altro, cominciarono a scusarsi. Il primo gli disse: «Ho comprato un campo e devo andare a vederlo; ti prego di scusarmi». 19Un altro disse: «Ho comprato cinque paia di buoi e vado a provarli; ti prego di scusarmi». 20Un altro disse: «Mi sono appena sposato e perciò non posso venire». 21Al suo ritorno il servo riferì tutto questo al suo padrone. Allora il padrone di casa, adirato, disse al servo: «Esci subito per le piazze e per le vie della città e conduci qui i poveri, gli storpi, i ciechi e gli zoppi». 22Il servo disse: «Signore, è stato fatto come hai ordinato, ma c'è ancora posto». 23Il padrone allora disse al servo: «Esci per le strade e lungo le siepi e costringili ad entrare, perché la mia casa si riempia. 24Perché io vi dico: nessuno di quelli che erano stati invitati gusterà la mia cena»

Se vuoi leggi il commento a questo vangelo scritto da un fratello o una sorella di Bose

CONTEMPLAZIONE

℟. Signore, noi ti lodiamo!

Sei più intimo del nostro intimo,
sei l’occhio dei nostri occhi,
il cuore nascosto del nostro cuore,
lo Spirito santo presente nel nostro spirito. ℟.

Fa’ che siamo coscienti della tua fedeltà,
capaci di discernere la tua gloria,
aperti ad accogliere il tuo amore,
pronti a risponderti con l’umile sì. ℟.

In te noi siamo, ci muoviamo, esistiamo,
sei presente nel fuoco, nell’aria, nell’acqua,
tu ami la terra da cui siamo nati,
la prepari ogni giorno come dimora del regno. ℟.

Nelle tue mani c’è il nostro presente,
sulle tue vie c’è il nostro futuro,
nella tua misericordia c’è il nostro passato:
la nostra vita è vita piena solo in te. ℟

ORAZIONE

Preghiamo:

Signore, Dio di luce,
in questo nuovo mattino
ripieno della tua tenerezza paterna
attira a te il nostro sguardo,
affinché possiamo camminare
allo splendore del tuo volto,
rivelatoci in Gesù,
tuo Figlio e nostro fratello,
vivente con te e lo Spirito santo
ora e nei secoli dei secoli.

– Amen.

PADRE NOSTRO

BENEDIZIONE

Benediciamo il Signore
– rendiamo grazie a Dio.

Il Signore ridesti la vostra intelligenza,
affinché ricordiate le parole dei santi profeti
e il comandamento del Salvatore nostro.

– Amen.