Consapevolezza e libertà

0e7a0567676f671846ba18209440fc01.jpg

15 ottobre 2020

Dal Vangelo secondo Luca - Lc 11,47-54 (Lezionario di Bose)

In quel tempo Gesù disse: «47Guai a voi, che costruite i sepolcri dei profeti, e i vostri padri li hanno uccisi. 48Così voi testimoniate e approvate le opere dei vostri padri: essi li uccisero e voi costruite. 49Per questo la sapienza di Dio ha detto: «Manderò loro profeti e apostoli ed essi li uccideranno e perseguiteranno», 50perché a questa generazione sia chiesto conto del sangue di tutti i profeti, versato fin dall'inizio del mondo: 51dal sangue di Abele fino al sangue di Zaccaria, che fu ucciso tra l'altare e il santuario. Sì, io vi dico, ne sarà chiesto conto a questa generazione. 52Guai a voi, dottori della Legge, che avete portato via la chiave della conoscenza; voi non siete entrati, e a quelli che volevano entrare voi l'avete impedito».
53Quando fu uscito di là, gli scribi e i farisei cominciarono a trattarlo in modo ostile e a farlo parlare su molti argomenti, 54tendendogli insidie, per sorprenderlo in qualche parola uscita dalla sua stessa bocca».


Il nostro brano fa parte di una discussione che ha luogo a casa di un fariseo che aveva invitato Gesù a pranzo. Il fariseo contesta a Gesù la non osservanza di alcune regole di purità. Gesù allora inizia una lunga invettiva, prima contro le osservanze dei farisei, poi contro i dottori della legge. Possiamo leggere queste invettive alla luce dell’ammonizione che precede il nostro racconto: “Bada che la luce che è in te non sia tenebra” (Lc 11,35).

Gesù ci sta interpellando sulla nostra verità più profonda, in cui siamo chiamati a far abitare l’amore di Dio, la sua sapienza, la sua giustizia che sole ci possono aiutare a leggere il nostro oggi, la nostra storia presente con uno sguardo di speranza capace di conversione, pur portando il peso e la consapevolezza del nostro passato e della storia che ci precede.

Occorre leggere con intelligenza queste invettive di Gesù che facilmente danno adito a letture strumentalizzanti e non veritiere. L’espressione “guai” non corrisponde a una maledizione o a una minaccia, ma è la traslitterazione di un lamento funebre; potremmo tradurlo con Daniel Attinger come “infelici”. L’infelicità che noi viviamo spesso è la naturale conseguenza delle nostre azioni, della nostra attitudine verso gli altri.

La seconda attenzione da avere riguarda tutta la Scrittura che va sempre letta come parola rivolta a noi stessi e non agli altri. Quando leggiamo queste invettive siamo subito pronti a puntare il dito contro questo o quello, ma non pensiamo che sia parola rivolta prima di tutto a noi.

Più che con le parole, noi diventiamo testimoni e apostoli veritieri vivendo il vangelo nella sua concretezza. Soprattutto noi uomini cosiddetti “religiosi” abbiamo la tentazione di favorire l’apparenza, la facciata a discapito di un cuore spesso abitato da “rapina e cattiveria”. Ci facciamo maestri e detentori di una verità della conoscenza, ma in realtà stiamo sbarrando la strada a chi vorrebbe entrare nel Regno. Lasciamo che regole, statuti e consuetudini finiscano per oscurare la parola profetica che è il Cristo stesso, parola che sulla bocca dei profeti non ha mai cercato il plauso delle folle, il successo e l’approvazione, ma si è dimostrata autentica e vera proprio nel rifiuto e nella persecuzione fino alla morte subita dai profeti e da Gesù stesso.

Gesù è un uomo libero, capace di un parola di parresia che non vuole uccidere l’altro, né minacciarlo, ma lo pone con libertà davanti alla sua verità, perché assumendola possa riconoscere la possibilità e la promessa di una conversione sempre possibile in cui il passato non sia un macigno che schiaccia l’oggi, immobilizzandolo, ma divenga occasione di consapevolezza e libertà, quella libertà che Gesù ci dà, lui che non considerò “rapina” la sua uguaglianza con Dio, ma svuotò se stesso divenendo simile agli uomini. È di questa umanità che ci verrà chiesto conto nel nostro oggi, una umanità capace di essere luce di pace e speranza per i nostri fratelli e sorelle tutti, un’umanità che si carica del peso degli ultimi e dei sofferenti ben sapendo che, come scrive sorella Maria di Campello, “solo portando il nostro peso piccolo o non piccolo possiamo avere speranza di aiutare i nostri cari a portare il loro”.

Infine un’umanità che si fa discepola di pubblicani e prostitute che ci precedono nel regno dei cieli, oggi diremo di migranti, zingari, omosessuali, transessuali, disabili, senzatetto, di tutti quelli che sono disprezzati, di quegli ultimi nella società che sono anche gli autentici e primi interpreti del vangelo.

fratel Nimal