Tutto il cristianesimo è qui

ef1f4cfdcca7756c2af2f30a8af4172b.jpg

7 luglio 2022

Dal Vangelo secondo Giovanni - Gv 17,15-26 (Lezionario di Bose)

In quel tempo Gesù disse:"15Non prego che tu li tolga dal mondo, ma che tu li custodisca dal Maligno. 16Essi non sono del mondo, come io non sono del mondo. 17Consacrali nella verità. La tua parola è verità. 18Come tu hai mandato me nel mondo, anche io ho mandato loro nel mondo; 19per loro io consacro me stesso, perché siano anch'essi consacrati nella verità.  20Non prego solo per questi, ma anche per quelli che crederanno in me mediante la loro parola: 21perché tutti siano una sola cosa; come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch'essi in noi, perché il mondo creda che tu mi hai mandato.
22E la gloria che tu hai dato a me, io l'ho data a loro, perché siano una sola cosa come noi siamo una sola cosa. 23Io in loro e tu in me, perché siano perfetti nell'unità e il mondo conosca che tu mi hai mandato e che li hai amati come hai amato me.
24Padre, voglio che quelli che mi hai dato siano anch'essi con me dove sono io, perché contemplino la mia gloria, quella che tu mi hai dato; poiché mi hai amato prima della creazione del mondo.
25Padre giusto, il mondo non ti ha conosciuto, ma io ti ho conosciuto, e questi hanno conosciuto che tu mi hai mandato. 26E io ho fatto conoscere loro il tuo nome e lo farò conoscere, perché l'amore con il quale mi hai amato sia in essi e io in loro»


La nostra comunità, composta di fratelli e sorelle appartenenti alle diverse confessioni cristiane, ricorda nella liturgia anche figure di uomini e donne santi non cattolici. Oggi facciamomemoria del patriarca ecumenico di Costantinopoli Athenagoras (25 marzo 1886 - 7 luglio 1972). Consacrato vescovo, presiedette la diocesi di Corfù e, in seguito, fu nominato arcivescovo dei greco-ortodossi negli Stati Uniti d’America. La sua elezione a patriarca ecumenico di Costantinopoli nel 1948 contribuì in modo determinante all’avvicinamento tra le confessioni cristiane. L’adesione degli ortodossi al Consiglio ecumenico delle chiese, la partecipazione di osservatori delle chiese ortodosse al Concilio Vaticano ii, la preparazione di un sinodo pan-ortodosso, la cancellazione delle reciproche scomuniche tra Roma e Costantinopoli, gli storici incontri con papa Paolo vi, furono i gesti dell’ardente desiderio di unità che lo animava. 

Il passo del vangelo di Giovanni proposto per la liturgia odierna è tratto dalla preghiera di Gesù al Padre subito dopo le parole di addio rivolte ai discepoli e prima della sua passione e morte. Gesù prega per i suoi discepoli e per tutti quelli che, raggiunti dalla testimonianza e dalle parole dei discepoli, crederanno in lui, metteranno la loro fiducia in lui. Più volte in pochi versetti ricorre il termine “mondo” che nel vangelo di Giovanni indica l’umanità che si oppone a Dio e rifiuta Gesù Cristo e il suo vangelo, ma non è intrinsecamente malvagia, resta aperta a un ripensamento, a un cambiamento, alla conversione. “Non prego che tu li tolga dal mondo … Essi non sono del mondo, come io non sono del mondo”; “Come tu hai mandato me nel mondo, anche io ho mandato loro nel mondo”. Il cristiano non è separato e isolato dal mondo, è inviato ad annunciare con la propria vita il vangelo: “Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri” (Gv 13,35). Questo è il segno che i cristiani dovrebbero offrire al mondo: un segno di unità e di pace. La divisione tra le diverse chiese è uno scandalo, è disobbedienza alla volontà del Signore che ha pregato “perché tutti siano uno” (Gv 17,11.21). Il cammino ecumenico, la ricerca dell’unità tra i cristiani non è dettata dal desiderio di sentirsi più forti nei confronti del mondo, a volte ostile come lo è stato con Gesù (cfr. Gv 7,7); questo è lo scopo dell’unità, dice Gesù: “che il mondo creda che tu mi hai mandato” (Gv 17,21). L’amore tra cristiani dovrebbe testimoniare l’amore che Dio ha per gli uomini

Scriveva il patriarca Athenagoras: “Abbiamo fatto della chiesa un’organizzazione fra tante altre. Tutte le nostre energie sono state spese a organizzarla e ora si spendono a farla funzionare. E funziona più o meno, piuttosto meno che più, ma funziona. Soltanto funziona come una macchina e non come la vita!”. Citando l’episodio della donna adultera di Gv 8 commentava: “Perché lei ha molto amato. Perché lui ha molto amato. Tutto il cristianesimo è qui”. E ancora: “Ci vuole un rinnovamento che fiorisca un po’ dappertutto nel mondo cristiano. Ma io credo che la condizione principale, basilare, non possa essere che l’unione dei cristiani, chiamati a uscire insieme nel mondo per porsi a servizio dell’uomo. Poco per volta la fiducia viene a sostituire la paura e il disprezzo che così a lungo hanno dominato tra le chiese, o meglio all’interno della chiesa, o meglio all’interno della chiesa di Cristo, poiché non esiste che una sola chiesa”.

sorella Lisa


Iscriviti alla newsletter del vangelo del giorno