“Gesù, ricordati di me quando verrai nel tuo Regno”

Cattedrale di Saint-Trophime, Majestas Domini, lunetta del portale d’ingresso, XII secolo, Arles
Cattedrale di Saint-Trophime, Majestas Domini, lunetta del portale d’ingresso, XII secolo, Arles

20 novembre 2016
XXXIV domenica del tempo Ordinario anno C
Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’universo

di ENZO BIANCHI

Lc  23,35-43

In quel tempo 35Il popolo stava a vedere; i capi invece deridevano Gesù dicendo: «Ha salvato altri! Salvi se stesso, se è lui il Cristo di Dio, l'eletto». 36Anche i soldati lo deridevano, gli si accostavano per porgergli dell'aceto 37e dicevano: «Se tu sei il re dei Giudei, salva te stesso». 38Sopra di lui c'era anche una scritta: «Costui è il re dei Giudei». 39Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: «Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e noi!». 40L'altro invece lo rimproverava dicendo: «Non hai alcun timore di Dio, tu che sei condannato alla stessa pena? 41Noi, giustamente, perché riceviamo quello che abbiamo meritato per le nostre azioni; egli invece non ha fatto nulla di male». 42E disse: «Gesù, ricòrdati di me quando entrerai nel tuo regno». 43Gli rispose: «In verità io ti dico: oggi con me sarai nel paradiso».


La festa per eccellenza di Cristo Re dell’universo è l’ascensione, la glorificazione di Gesù da parte del Padre che lo intronizza accanto a sé quale Kýrios, Signore vivente per sempre. Nel 1925 si è aggiunta la festa odierna per ricordare tale regalità ai re di questo mondo. La riforma liturgica del concilio Vaticano II, in verità, l’ha mutata in profondità: Gesù Cristo è Re perché regna sulla croce; è un Re al contrario dei re di questo mondo, crocifisso tra malfattori; è un Re condannato dai poteri religioso e politico; è un Re che salva gli altri e non se stesso. Insomma, è un Re paradossale!

Il brano evangelico di Luca previsto per questa festa nell’annata liturgica C è il racconto della crocifissione di Gesù. Dopo la condanna chiesta dai sacerdoti e inflitta da Pilato (cf. Lc 23,13-26), il corteo che scorta Gesù e i due delinquenti condannati insieme a lui giunge a una piccola collina fuori della città di Gerusalemme, al di là della porta di Efraim, altura che i giudei chiamavano Golgota, o Cranio, o monte Calvo, dove secondo una leggenda era stato sepolto Adamo. Proprio qui i tre vengono crocifissi, con il terribile supplizio riservato agli scarti della società, ai peggiori delinquenti. Tra due criminali, “annoverato tra quelli che hanno commesso il male” (Is 53,12; Lc 22,37), viene crocifisso il nuovo Adamo (cf. Lc 23,32-33), o meglio il vero Adamo, l’uomo totalmente a immagine e somiglianza di Dio (cf. Col 1,15).

È una scena crudele, carica di violenza e di orrore, eppure il popolo (laós), quel popolo che aveva seguito Gesù, che l’aveva acclamato (cf. Lc 19,38), che pochi giorni prima pendeva dalle sue labbra mentre insegnava nel tempio (cf. Lc 19,38), ebbene quel popolo “sta a vedere”. Non sta più dalla parte di Gesù, non lo segue più, non lo difende: appare deluso dall’esito della sua vicenda, incapace di comprendere ciò che si sta consumando. Luca ricorda che, dopo la morte di Gesù, “tutta la folla che era venuta a vedere questo spettacolo (theoría), ripensando a quanto era accaduto, se ne tornava battendosi il petto” (Lc 23,48), iniziando cioè un cammino di conversione, ma per ora no: Gesù muore abbandonato veramente da tutti, solo, perché i discepoli sono fuggiti e l’uditorio che prima lo applaudiva è muto e non sta più dalla sua parte. Avevano atteso un Messia vittorioso, potente, un vero Re, più forte dei re di questo mondo, e invece hanno visto uno che non è neppure capace di salvarsi…

Guardando il popolo e gli aguzzini dall’alto della croce, Gesù può solo affermare: “Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno” (Lc 23,34), ma neanche questa parola lo rende comprensibile al popolo. E proprio in quella solitudine, in quell’abbandono, ecco riapparire la tentazione, come all’inizio della sua missione, quando aveva sostato nel deserto (cf. Lc 4,1-12). Luca allora aveva avvertito i lettori del vangelo: “Dopo aver esaurito ogni tentazione, il diavolo si allontanò da lui fino al tempo opportuno” (Lc 4,13). Ed eccolo, puntuale, riapparire nell’ora estrema. Come allora la tentazione verteva per Gesù sulla sua capacità di provare di essere Figlio di Dio mediante segni eclatanti, non nella possibilità di un umano ma nella potenza divina, lo stesso avviene ora.

Il primo strumento demoniaco sono i capi religiosi, quei sacerdoti presenti alla croce perché avevano chiesto ai romani la condanna a morte di Gesù. Da veri esperti delle Scritture, essi proclamano con precisione teologica: “Ha salvato altri! Salvi se stesso, se è lui il Messia di Dio, l’Eletto!”. Se Gesù è l’Unto del Signore, il Figlio di David, il Re di Gerusalemme, l’Eletto inviato da Dio (cf. Is 42,1), salvi innanzitutto se stesso, mostri la sua potenza liberandosi dal supplizio che lo porta alla morte! Ma Gesù resta sulla croce: ascolta e tace, si lascia accusare di impotenza, non si difende, non cede a comportamenti frutto dell’inimicizia. Fino alla fine vive nella logica di amore di Dio, un Dio che ha un amore misericordioso anche verso i suoi nemici; anzi, simultaneamente all’odio che riceve da loro, continua ad amarli (cf. Rm 5,6-10).

La seconda tentazione viene espressa dal potere politico e militare dei soldati pagani che lo uccidono. Lo deridono dando da bere dell’aceto a lui che ha la gola riarsa, bruciante, e nella loro ottica politica lo scherniscono così: “Se tu sei il Re dei giudei, salva te stesso!”. Un re che non è in grado di salvare se stesso, come potrà salvare gli altri? E allora che re è mai? Come può un re tanto impotente opporsi a Cesare e insidiare il suo potere? No, egli merita solo disprezzo! Eppure Gesù è Re, come proclama l’iscrizione posta sulla croce, più in alto del suo capo; iscrizione che nell’intenzione dei suoi autori vorrebbe essere dileggiante, causa di commiserazione, e invece dice una verità ben diversa, per chi sa vederla… Gesù è veramente l’Unto del Signore, il Messia promesso da Dio a Israele, ma questa regalità è sorprendente, perché non è modellata su quella dei re di questo mondo, dove i governanti opprimono, comandano e si fanno applaudire come autori del bene comune (cf. Lc 22,25). La regalità di Gesù, invece, è altra e sta nello spazio dell’amore: chi ama regna, chi ama fino alla fine (cf. Gv 13,1) è vero re! Gesù accoglie in silenzio anche questa seconda tentazione, come se continuasse a ripetere: “Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno”…

La terza tentazione gli viene da chi è solidale con lui nel supplizio, nella tortura e nella morte, uno dei “compagni” di Gesù, uno dei due banditi condannati insieme a lui. Gesù aveva iniziato il suo mistero mettendosi in una fila di peccatori per andare da Giovanni il Battista a chiedere il battesimo (cf. Lc 3,21), per tutta la vita è stato tra i peccatori (cf. Lc 15,1-2; 19,7) e ora muore tra peccatori. Anche qui Gesù resta quello che è sempre stato: “un amico dei peccatori” (Lc 7,34). Uno dei due crocifissi con lui, dunque, gli dice: “Non sei tu il Messia? Salva te stesso e noi!”. È un grido di disperazione: “Salva anche noi perché, se sei il Messia inviato da Dio, puoi farlo!”. Ma Gesù tace, comprendendolo nella sua protesta e nella sua sfida. È l’altro condannato che interviene osservando: “Non hai alcun timore di Dio, tu che sei condannato alla stessa pena? Noi, giustamente, perché riceviamo quello che abbiamo meritato per le nostre azioni; egli invece non ha fatto nulla di male”.

Diciamo la verità: abbiamo fatto del primo “il cattivo ladrone” e del secondo “il buon ladrone”, ma in realtà erano entrambi malfattori, omicidi secondo gli altri vangeli. Dunque sono tutti e due cattivi, e se c’è una differenza va cercata solo nel fatto che il secondo arriva a fare questa invocazione confidente: “Gesù, ricordati di me quando verrai nel tuo Regno”, ovvero chiede a Gesù di essere salvato non qui, perché questo a Gesù non è possibile, ma quando verrà nel suo Regno; anzi, neanche di essere salvato, ma di essere ricordato, che sarebbe già molto… Gesù può forse rifiutarsi di salvare il primo ladrone che gli chiede: “Salva anche noi”? Egli in verità può mostrare il suo potere solo salvando, ma non facendoli scendere dalla croce, bensì non abbandonandoli nell’ora della venuta del suo Regno.

Salvare un altro non è preservarlo dalla morte ma rendere la sua morte un passaggio, un esodo per la vita eterna, per il Regno! Gesù non ci salva ora come vorremmo noi, ma ci salva se noi, che non siamo mai né giusti né buoni, sappiamo accogliere il perdono che Dio ci offre, che Gesù ci offre. Entrambi i malfattori hanno capito che essere buoni e giusti è secondo la volontà di Dio ma che, se questo non è avvenuto nella propria vita, ciò che conta alla fine è accogliere il suo perdono, dicendo semplicemente: “Gesù, ricordati di me quando verrai nel tuo Regno”.


Cattedrale di Saint-Trophime, Majestas Domini, lunetta del portale d’ingresso, XII secolo, Arles

Schema compositivo
Schema compositivo

Come rappresentare un concetto come quello della signoria di Cristo su tutto l'universo? Come fare a veicolare questa idea all'interno di un tessuto, quale quello della prima cristianità, in cui i testi non erano facilmente trasmissibili e le idee teologiche, ortodosse o meno, si diffondevano attraverso la predicazione? Attraverso immagini eloquenti. La Majestas Domini è una di queste. L'immagine a supporto del commento al vangelo di questa domenica attesta l'utilizzo in periodo medioevale di questa rappresentazione, ma la storia di questa immagine affonda le sue radici nella seconda metà del V secolo. In questo periodo è databile una delle prime Majestas Domini quella del mosaico absidale di Hosios David a Salonicco. 

Prenderò a modello la rappresentazione scultorea della Cattedrale di Saint-Trophime perché racchiude in sé molte delle caratteristiche di questa immagine. Partiamo dal contesto. Questa rappresentazione si trova solitamente nelle lunette d'ingresso delle cattedrali medioevali oppure nei catini absidali delle chiese più antiche. Come mai? Innanzitutto è da sottolineare che in tutti e due i casi questa rappresentazione si trova nell'asse principale della chiesa e quindi in un certo senso vuole segnare il percorso del credente che entra nel luogo della preghiera. Nel caso delle chiese più antiche la posizione della Majestas indica il punto di arrivo ottico di tutta l'aula, come a dire che lo sforzo del credente attraverso la liturgia e la preghiera solitaria è quello di arrivare a proclamare Cristo signore di tutto il cosmo. Nel caso delle cattedrali medioevali che pongono questa rappresentazione sulla lunetta d'ingresso il messaggio è identico ovvero Cristo è il signore del cosmo, ma nello spirito del medioevo questa idea deve già appartenere al credente che entra in chiesa, non è un punto di arrivo, ma un punto di partenza. Già solo la posizione ci dice due approcci diversi nel tempo di come vivere la fede e di come lo spazio riesca a narrarlo.

Entriamo adesso nella lunetta: l'arco che la contiene (segnato tra le due righe verdi) è popolato di angeli, ci troviamo quindi in un contesto celeste, le parti curve delle architetture tendono a riprodurre la "volta" celeste. Al di sotto della lunetta (rettangolo azzurro) troviamo i dodici apostoli seduti. La presenza degli angeli e dei dodici apostoli richiama la nostra memoria di credenti all'apocalisse, alla scena del giudizio in cui il Signore sarà giudice. Infatti al centro della lunetta e della scena troviamo il Cristo, che però non è rappresentato come giudice bensì con una mano benedice e con l'altra tiene in mano un libro. Questa rappresentazione è chiaramente regale ovvero fa riferimento alla iconografia antecedente al cristianesimo dell'imperatore romano. In questa rappresentazione specifica che viene molto dopo nel tempo, il riferimento più vicino è l'imperatore del sacro Romano impero. Non a caso la rappresentazione della Majestas Domini in occidente viene riscoperta e fortemente rappresentata nel periodo Carolingio in cui la nascente forza imperiale cerca di trovare giustificazione per il suo potere nella parallela rappresentazione del divino.

il Cristo quindi è rappresentato come re, infatti porta sul capo una corona che nella sua fattura non è tanto dissimile da quelle imperiali pervenuteci dello stesso periodo. Il Cristo è circondato da una forma a due punte che in termine tecnico viene definita mandorla. Questo simbolo è la chiave di lettura di questa iconografia. Questa forma molto antica si ottiene incrociando due cerchi dello stesso diametro (come ho cercato di rappresentare con il colore rosso): la circolarità oltre ad essere dall'antichità simbolo di ciò che è celeste indica anche pienezza, conclusione. Il cerchio non ha un inizio e una fine, è una forma fuggevole e allo stesso tempo conclusa e perfetta. Che cosa l'umanità sperimenta di concluso? Lo spazio terrestre e la volta celeste. La mandorla è l'incrocio tra terreste e celeste e quale figura per il credente è al centro di questo dialogo? Il Cristo! Non solo: nella prima cristianità, in un tempo di forti dibattiti teologici i due cerchi che si incrociano sono anche l'umano e il divino che si uniscono in Cristo.

Quindi Cristo trionfa sul cielo e sulla terra, la sua signoria è su tutto l'universo che l'umanità può sperimentare con i suoi sensi e anche di tutto quello che non può sperimentare. Osservando bene l'immagine noteremo che la figura del Cristo non è dentro la mandorla bensì eccede da essa: qui lo scultore ci sta ricordando che tutti questi richiami di idee che l'immagine vuole consegnarci vanno al di là di quello che si può rappresentare. La divinità è sempre al di là di quello che noi possiamo pensare e dire.

Quattro esseri attorniano il Cristo: quattro animali che sorreggono ognuno un libro (ad essere precisi l'aquila brandisce un rotolo). Abbiamo già incontrato in precedenza questa rappresentazione ovvero il tetramorfo, i quattro esseri viventi della visione di Ezechiele (Ez 1,4-28) che finiranno per assumere la simbologia dei quattro evangelisti. In questa rappresentazione il brano si sovrappone ad Ap 4,1-11 in cui si presenta il Cristo in trono nella volta di cristallo, simile a uno smeraldo, una pietra preziosa che assomiglia tanto alla forma della mandorla soprattutto come riusciva ad essere tagliata dagli orafi dell'antichità. Quale azione teologica sta facendo questa rappresentazione? Sta dicendo all'osservatore credente che il Signore di Ezechiele è il Cristo dell'Apocalisse, per dirlo in altri termini sono della stessa sostanza. Senza dilungarmi troppo sottolineo come nella prima cristianità anche questo tema del rapporto tra Dio Padre e il figlio Gesù fosse molto dibattuto e causa di forti scontri. Le immagini non sono mai neutre portano sempre dei significati che l'osservatore può essere più o meno in grado di decodificare.

Un ultimo appunto su questa iconografia: in molte rappresentazioni della Majestas Domini all'interno della mandorla o addirittura la mandorla stessa è rappresentata come l'arcobaleno, questo aspetto è descritto nel passo già citato di Apocalisse. Anche in questo caso la simbologia mette assieme antico e nuovo testamento a sottolinearne l'unità: l'arcobaleno fu posto da Dio a ricordare l'alleanza dopo il diluvio, Cristo si innesta in essa e la porta a pienezza. 

Elia Fiore