Commento al Vangelo

Amici del Signore

9 maggio 2021

Gv 15,9-17
VI Domenica di Pasqua
di Luciano Manicardi

Amici del Signore, non servi di un padrone: questo l’aspetto dello status del credente sottolineato dall’evangelista Giovanni. Per ricordare che la fede non è esaurita da un’appartenenza ecclesiale, da una pratica rituale e liturgica, da un impegno per gli altri, ma che ha come matrice nascosta, profonda e vitale, la relazione personale con il Signore. Relazione cercata, invocata, nutrita, in cui si rientra dopo l’allontanamento, lo smarrimento, insomma relazione voluta e vissuta.

Ospitalità

La gioia come frutto dello Spirito - Ritiro di Pentecoste

Domenica 23 Maggio 2021

Luigi D'Ayala Valva

L'anno liturgico prevede dei tempi forti in cui ci è dato rinnovare ogni volta la nostra fede.
Per questo viviamo queste giornate nella preghiera assidua per incontrare il Signore che viene.

 

Lo spazio della cura

La sete e l’acqua. Lo Spirito santo nell’esistenza cristiana 2

La vita cristiana o è vita nello Spirito, suscitata dallo Spirito e che attira lo Spirito, o non è tale. Dalle Scritture emerge il legame vitale che da una parte collega intimamente lo Spirito a Gesù e alla sua vita, tanto che Basilio poteva definirlo suo “compagno inseparabile