La visite de sa Sainteté Tawadros II

Multithumb found errors on this page:

There was a problem loading image 'images/stories/comunita/notizie/doni_inattesi/2013Tauadross/tau_600lach.jpg'
There was a problem loading image 'images/stories/comunita/notizie/doni_inattesi/2013Tauadross/tau_600lach.jpg'
tau_600lach.jpg
Bose, 16 mai 2013
Le lien que nous sentons pour l'Église copte est fort, fondé sur des liens d'amitié, de fraternité, mais aussi sur le regard que notre communauté a toujours eu sur la grande tradition des pères du désert
Bose, 16 mai 2013
Bose, 16 mai 2013
Bose, 16 mai 2013
Bose, 16 mai 2013
ecec9ccb00d21058a961e71bb4eab7e3.jpg

Bose, 16 Maggio 2013

Il patriarca copto Tawadròs, in Italia per visitare le comunità copte qui presenti, dopo aver incontrato a Roma papa Francesco, si è recato a Milano. Presso il monastero copto di Lacchiarella ha ricevuto questa mattina in udienza il priore della comunità di Bose, fr. Enzo Bianchi, il quale ha potuto rinnovargli l’invito a visitare la comunità e trasmettergli un caloroso messaggio di benvenuto. Così, nel primo pomeriggio insieme alla sua delegazione si è recato a Bose, dove è stato accolto da tutti i fratelli e le sorelle e dalle campane che suonavano a distesa per esprimere il clima di festa.

Il patriarca Tawadròs si è recato direttamente in chiesa, seguito da tutti i membri della delegazione: Bakhomios, metropolita di la Behìra, Matrukh e i 5 villaggi dell’ovest, Nord Africa; Hedra, metropolita di Assuan, Kom Hombo, Edfou; Kyrolos, vescovo per Milano e il Canton Ticino, Esarca per l’Europa; Abakir, vescovo per i Paesi scandinavi; Gabriel, vescovo per Vienna e l’Austria; Epiphanios, vescovo del monastero di san Macario; Abuna Anghelos, segretario personale del Patriarca (per l’Egitto); Abuna Serafim, segretario personale del patriarca (per la Diaspora); Abuna Danyal; e alcuni laici.

Fratel Guido rilegge, a nome di tutta la comunità, il discorso di saluto e di accoglienza che il priore ha rivolto direttamente al patriarca al momento del loro incontro. Sottolinea come questa visita sia un rinnovato segno della misericordia del Signore e un dono immeritato che accogliamo con gratitudine e con gioia. Ricorda l’amore che la comunità ha verso la chiesa copta e l’amicizia che da subito si è instaurata con alcune comunità copte in Italia e con i monasteri del deserto egiziano, che alcuni fratelli in diverse occasioni hanno avuto modo di visitare. Il legame che sentiamo con questa chiesa è forte, fondato su legami di amicizia, di fraternità ma anche sullo sguardo che la nostra comunità ha sempre avuto verso la grande tradizione dei padri del deserto e dei padri monastici, fonte inesauribile di ispirazione e di testimonianza per la nostra vita comune. Tradizione che sin dagli inizi è al cuore della nostra formazione monastica e che, attraverso la nostra attività editoriale, abbiamo voluto far conoscere anche ai lettori italiani.