Visioni bibliche di Gerusalemme

2 aprile 2017

Piero Stefani
Facoltà teologica dell'Italia Settentrionale e Università statale di Milano

Il professor Piero Stefani, uno dei più accreditati studiosi all’interno del dialogo ebraico-cristiano, ci ha guidati alla scoperta dell’identità e dello statuto di Gerusalemme attraverso le diverse immagini bibliche contenute nell’Antico e nel Nuovo Testamento.

A fianco delle numerose prospettive bibliche, soprattutto profetiche, secondo le quali Gerusalemme sarebbe il centro del mondo, l’origine di ogni uomo e il luogo a cui tutti i popoli saliranno alla fine dei tempi, Piero Stefani ci ha proposto di guardare alla città santa come ne parla il profeta Isaia al capitolo 19.

In Is  19, 23-25 si legge: “In quel giorno ci sarà una strada dall'Egitto verso l'Assiria; l'Assiro andrà in Egitto e l'Egiziano in Assiria, e gli Egiziani renderanno culto insieme con gli Assiri. In quel giorno Israele sarà il terzo con l'Egitto e l'Assiria, una benedizione in mezzo alla terra. Li benedirà il Signore degli eserciti dicendo: ‘Benedetto sia l'Egiziano mio popolo, l'Assiro opera delle mie mani e Israele mia eredità’”.

Israele, il primogenito, in quel giorno sarà il terzo; l’Assiria e l’Egitto, nemici storici di Israele e nemici tra di loro, saranno benedetti insieme a Israele, e non andranno verso Gerusalemme, come suggeriscono le immagini bibliche più comuni, ma si incontreranno passando per Gerusalemme. Secondo questa prospettiva biblica, la posizione di Israele e di Gerusalemme nella Bibbia è quella della mediazione.

Questa visione consente di non fare nemmeno di Gerusalemme un idolo: la si riconosce come luogo di passaggio, di incontro e di mediazione. Ciò aiuta a ricordare che non è il suolo che costituisce il popolo, ma l’esodo, l’esperienza di liberazione dall’Egitto.


Piero Stefani (1949) nel 1972 ha conseguito la laurea in filosofia presso l'Università di Bologna. Insegna all'Università statale di Milano (corso di diritto ebraico e israeliano) e presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale di Milano (corso bibbia e cultura). Dall'ottobre 2016 è presidente del SAE (Segretariato Attività Ecumeniche), associazione a cui per anni ha lavorato come consulente e membro del comitato esperti. È nel consiglio direttivo di Biblia, associazione laica di cultura biblica, dopo esserne stato presidente dal 2014 al 2016.
Il suo pensiero ha scandagliato i complessi rapporti tra ebraismo e cristianesimo, tra fede cristiana e pensiero laico contemporaneo.


Incontri con Enzo Bianchi

21
Mag
2017
Giornata di riflessione

21 Maggio 2017

Iscrizioni aperte dal 9 gennaio 2017 Giornate di riflessione su temi spirituali




Prossime date dei Confronti

07
Mag
2017
Al di là del sacrificio

07 Maggio 2017

Massimo Recalcati
Università di Pavia e Losanna La vita umana è vita animale o è solo attraverso il sacrificio simbolico dell’animalità della vita che la vita stessa può umanizzarsi? Non è forse...




11
Giu
2017
Televisione, comunicazione, umanità

11 Giugno 2017

Aldo Grasso
Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano La tv trasuda 'spazzatura', non c'è dubbio, ed è piena di discorsi stupidi e insensati ma, a furia di parlarne male, non ci siamo quasi ...




08
Ott
2017
Mangiare da cristiani

08 Ottobre 2017

Massimo Montanari,
Università di Bologna Un modello alimentare cristiano non esiste. Secondo la tradizione apostolica non importa cosa si mangia, ma come si mangia: l’attenzione è tutta sul ges...




29
Ott
2017
Dove va l'uomo contemporaneo? Tracce di cammino

29 Ottobre 2017

Marc Augé,
Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales (EHESS), Parigi Lo sviluppo irruento della tecnologia garantisce a ciascuno di noi ubiquità nello spazio (pensate a Skype) e istantaneità...