La tenerezza del pastore

Leggi tutto: La tenerezza del pastore

22 luglio 2018

XVI domenica del tempo Ordinario
Mc 6,30-34

di ENZO BIANCHI

Su ogni nostra decisione, su ogni nostra scelta necessaria e buona, ciò che deve avere il primato è la misericordia. Se ogni nostra scelta e ogni nostra azione non obbediscono innanzitutto alla misericordia, non sono conformi ai sentimenti che furono in Cristo Gesù.

Continua la lettura

La vita cristiana

Leggi tutto: La vita cristiana

15 luglio 2018

XV domenica del tempo Ordinario
Mc 6,7-13

di ENZO BIANCHI

Noi cristiani viviamo il Vangelo oppure lo proclamiamo a parole senza renderci conto della nostra schizofrenia tra parola e vita? La vita cristiana è una vita umana conforme alla vita di Gesù, non innanzitutto una dottrina, non un’idea, non una spiritualità terapeutica, non una religione finalizzata alla cura del proprio io!

Continua la lettura

Gesù, troppo umano

Leggi tutto: Gesù, troppo umano

8 luglio 2018

XIV domenica del tempo Ordinario
Mc 6,1-6

di ENZO BIANCHI

Gesù era troppo umano, e per questo “si scandalizzavano di lui”, cioè sentivano proprio in quello che vedevano, in quella sua umanità così quotidiana, un ostacolo a mettere fiducia in lui e nella sua parola.

Continua la lettura

Giovanni, il Signore fa grazia

Leggi tutto: Giovanni, il Signore fa grazia

24 giugno 2018

Natività di san Giovanni il Battista
Lc 1,57-66.80
di ENZO BIANCHI

Questa nascita prodigiosa testimonia che Giovanni è un uomo che soltanto Dio poteva dare a Israele: dono della misericordia di Dio, risposta a quanti, nella povertà, nell’umiltà e nella fede, avevano atteso con perseveranza per secoli la venuta del Messia, del Salvatore inviato da Dio. Ormai i tempi della nuova alleanza sono inaugurati, il precursore del Messia è presente e lo precede.

Continua la lettura

Toccare ed essere toccati da Gesù

Leggi tutto: Toccare ed essere toccati da Gesù

1 luglio 2018

XIII domenica del tempo Ordinario
Mc 5,21-43

di ENZO BIANCHI

Gesù abolisce ogni sorta di sacro, poiché egli non era “sacro” come i sacerdoti, essendo un ebreo laico, non di stirpe sacerdotale, e poiché vedeva nelle leggi della sacralità una contraddizione alla carità, alla relazione così vitale per noi umani.

Continua la lettura