images/preghiera/vangelo/21_avvento/21_11_27_vdgavv21.jpg

In questa rubrica giornaliera vi proponiamo la meditazione del Vangelo del giorno preparata da un fratello o una sorella di Bose. Il nostro desiderio è di spezzare il pane quotidiano della parola di Dio, condividendo la lectio divina fatta nella solitudine della cella monastica. Per tutti il fine è quello indicato da Ignazio d’Antiochia, “rifugiarmi nel Vangelo come nella carne di Gesù” (Lettera ai Filadelfiesi).

Le pericopi del vangelo seguono il lezionario proprio del nostro monastero.   

Il Dio che viene

Leggi tutto: Il Dio che viene

8 dicembre 2021

Il Dio che viene, viene nell’incontro: in ogni incontro, nell’incontro di Maria ed Elisabetta nell’atrio della casa di Zaccaria, occhio contro occhio, ventre contro ventre. Ogni volta che incontriamo l’altro che ci sta di fronte, noi ci troviamo come davanti a uno specchio.

Continua la lettura

Francesco Arena | Europa 11 novembre 2015

Leggi tutto: Francesco Arena | Europa 11 novembre 2015

12 dicembre 2021

Chi ha due tuniche ne dia a chi non ne ha, e chi ha da mangiare faccia altrettanto: quello di Giovanni è un grande richiamo alla condivisione. Siamo ancora capaci di condividere con chi ha di meno? Siamo davvero capaci di fermarci a guardare il bisogno dell'altro, vicino o lontano che sia? Siamo capaci di superare le barriere che ci costruiamo attorno?

Continua la lettura

Il pastore per la vita

Leggi tutto: Il pastore per la vita

7 dicembre 2021

Un gregge e il suo pastore. Gesù ama parlare a partire dalla realtà che lo circonda fatta di pastori, di agricoltori, di persone umili. Da questo mondo trae l’immagine, che tuttavia non è nuova alla Scrittura: Israele come gregge di Dio, condotto con cura attraverso la storia (cf. Ez 34).

Continua la lettura

Esteriorità brillante e interiorità malata

Leggi tutto: Esteriorità brillante e interiorità malata

6 dicembre 2021

È necessario smascherare il male, portarlo alla luce, soprattutto quando si riveste di abiti sacri. Il grande male degli uomini religiosi è l’ipocrisia, la separazione tra ciò che affermiamo pubblicamente e ciò che viviamo privatamente. Un’esteriorità brillante e un’interiorità malata. Una dinamica che porta anche a costruire non vite in comunione ma vicende di complicità.

Continua la lettura

Statements | Bergamo

Leggi tutto: Statements | Bergamo

5 dicembre 2021

Bergamo si sta rivelando una città capace di raccontare la qualità della comunità che rinasce dopo il confinamento e presenze culturali come l'associazione The Blank stanno provando a ricucire una trama di relazioni di qualità, che fino a poco tempo fa sembravano impossibili. Queste voci gridano anche per noi: come credenti, siamo pronti a rispondere?

Continua la lettura

Osiamo interrogarci

Leggi tutto: Osiamo interrogarci

3 dicembre 2021

C’è un radunarsi insieme che può portare ad acuire avversità, ostilità, contrapposizioni. Occorre essere molto attenti affinché questo non avvenga. Bisogna vigilare con molta attenzione affinché questo non cominci ad avvenire perché, se comincia, difficilmente si riesce a fermarsi e proprio come una valanga si rischia di travolgere e distruggere tutto ciò che si trova. 

Continua la lettura

Cosa interessa a chi

Leggi tutto: Cosa interessa a chi

2 dicembre 2021

Percepisco il rischio di mantenere l’attenzione sulla disputa e sull’esempio, in realtà solo teorico, con cui inizia il testo, nonostante la dura lettura che ne fa subito Gesù. Si può essere stimolati a questa distorsione delle intenzioni dell’Evangelista anche dal fatto che, quantitativamente, l’opinione e l’interrogativo dei Sadducei prende molto spazio: sono sei versetti su undici complessivi, più della metà del brano.

Continua la lettura

Non “apparire”, ma vivere

Leggi tutto: Non “apparire”, ma vivere

1 dicembre 2021

Il linguaggio è crudo, a nostro avviso esagerato; oggi infatti si deve imparare a vivere amichevolmente con se stessi, in cerca di felicità; ma quel linguaggio duro corrisponde in qualche modo con l’immagine del chicco caduto in terra del nostro evangelo: per dare frutto il seme deve morire… e il verbo “mortificare” non significa autolesionismo masochista, bensì, originalmente, “far morire”.

Continua la lettura

Camminare senza meta

Leggi tutto: Camminare senza meta

30 novembre 2021

“Venite e vedrete”: Gesù chiama semplicemente il discepolo al coinvolgimento nel suo cammino senza che il discepolo conosca in anticipo la meta, dove concretamente andrà, ma sapendo solo che andrà dietro a lui e rimarrà con lui, che dove sarà lui là sarà anche il suo servo (cf. Gv 12,26), e che se uno lo serve il Padre stesso lo onorerà

Continua la lettura

Chiedere aiuto, con fede

Leggi tutto: Chiedere aiuto, con fede

29 novembre 2021

Non è semplice capire il gesto e il comportamento di Gesù nei confronti del fico che leggiamo nel brano di oggi. Per una buona volta l’incomprensione dei discepoli di fronte a questo “contro miracolo” è giustificata. I discepoli in molte occasioni avevano espresso perplessità o incomprensioni rispetto a gesti o parole di Gesù

Continua la lettura