La morte di Sua Santità il Patriarca Shenuda III

il Patriarca Shenuda III
il Patriarca Shenuda III

Bose, sabato 17 marzo 2012

 La comunità è vicina con la preghiera fedele e l'affetto fraterno alla Chiesa Ortodossa Copta per la morte di Sua Santità il Patriarca Shenuda III, uno delle grandi personalità ecclesiali del nostro tempo, salito al cielo sabato 17 marzo, all'età di 88 anni. Eletto nel 1971 quale 117° successore di san Marco evangelista sulla sede di Alessandria, nel 1973 sottoscrisse con Papa Paolo VI una dichiarazione comune di fede nell'incarnazione del Figlio di Dio, inaugurando una nuova stagione di contatti fraterni, nel quadro della sua instancabile ricerca dell'unità delle chiese e del dialogo interreligioso.

Fr. Enzo e quanti di noi l'hanno conosciuto e sono stati onorati della sua amicizia fedele, ricordano l'uomo di fede profonda e ardente, capace di sopportare financo l'esilio a causa di essa, lo spirituale di grande passione, umanità e profonda bontà verso tutti (era capace di donare ore di ascolto a singole persone nel bisogno e di rispondere alle domande più diverse dei suoi fedeli con un'infinita pazienza, per ore, durante i tradizionali incontri settimanali, cui partecipavano migliaia di persone), il suo anelito alla pace e alla fratellanza. "La modestia è la via migliore per seguire Cristo" ripeteva sempre e, pensando al suo popolo: "L'Egitto non è una terra in cui noi viviamo, è una terra che vive dentro di noi". Siamo certi della sua intercessione efficace nel cielo per la Chiesa copta e per il popolo egiziano, per tutti i cristiani e per tutti gli uomini. In particolare la nostra preghiera accompagna gli amati fratelli copti e quanti saranno chiamati a eleggere il nuovo Patriarca, perchè lo Spirito doni luce e chiaroveggenza.

NOTIZIE DALLE CHIESE