Una grammatica per dialogare

1a14a93815a5ffef0c5c4891192d40e3.jpg
Il Sole 24 Ore, 21 agosto 2011
di GIANFRANCO RAVASI
Ploux s'impegna anche a declinare i "casi" dell'incontro attorno ai nodi incandescenti della verità scientifica, etica e teologica. E il suo sguardo s'allunga fino ad Assisi

Il Sole 24 Ore, 21 agosto 2011
di GIANFRANCO RAVASI

pdf  Una grammatica per dialogare

vai al libro:
Jean-Marie Ploux
{link_prodotto:id=978}

«Non ritenere vittoria l'usare la violenza contro una forma di culto o un'opinione. Farai dunque così: cesserai di polemizzare con gli altri e parlerai della verità in modo che tutte le cose dette siano inattaccabili... Io sono consapevole di non avere mai polemizzato contro greci o altri, perché penso sia sufficiente, per uomini onesti, poter conoscere ed esporre il vero in se stesso... Ciascuno infatti afferma di possedere la moneta regale, ma in realtà ha forse appena l'immagine ingannevole di una particella di verità». Milleduecento anni prima che Voltaire intonasse il suo inno alla tolleranza (per altro rivolto in forma orante al «Dio di tutti gli esseri, di tutti i mondi e dei tempi»), tra il V e il VI secolo, un oscuro monaco nascosto sotto lo pseudonimo di Dionigi Areopagita intesseva questo programma di confronto teorico e personale, con l'orizzonte in cui era immerso, un programma concretizzato nei suoi scritti che si rivelavano come un'originale riformulazione della dottrina cristiana usando la strumentazione del pensiero neoplatonico. Siamo partiti così lontano per proporre un tema che è iscritto nel Dna del cristianesimo, anche se spesso si sono assunti vigorosi anticorpi per estenuarne l'energia. Infatti, era già l'apostolo Pietro che ammoniva così i suoi interlocutori dell'Asia Minore nella prima delle due Lettere a noi giunte sotto il suo patronato: «Siate pronti sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi, ma questo sia fatto con dolcezza, rispetto e retta coscienza» (3, 15-16).

I nemici del dialogo – questo è appunto il tema a cui rimandavano san Pietro e lo Pseudo-Dionigi – sono molteplici e spesso antitetici tra loro. Da un lato, il fondamentalismo integrista che mette manosubito alla spada per un duello; d'altro lato, il sincretismo che gorgheggia in un duetto confuso e incolore. Da una parte, ecco la rigidità intellettuale scambiata per rigore; d'altra parte, l'approssimazione vaga che impedisce la pesatura delle argomentazioni, perché sui piatti della bilancia si deposita solo nebbia o mucillagine ideologica. Certo, il dialogo è faticoso, talora arduo, anche perché – come suggerisce l'etimo stesso del vocabolo – è l'attraversamento (dià) di un lógos, ossia di un discorso scomponendone tutti i segmenti argomentativi e, se si vuole, è anche l'incrociarsi (dià) di due lógoi di matrice diversa se non opposta. Ai nostri giorni s'imbocca spesso la via in discesa dello scontro immediato, senza ascolto o verifica dell'altrui pensiero, nella tipica aggressività inconcludente e pirotecnica del talk-show televisivo. La forza dimostrativa più alta è nell'insulto («Capra, capra, capra...!») oppure nel più pacato ma sempre "esclusivo" asserto dello statista vittoriano Disraeli: «Il mio concetto di persona piacevole è quello di una persona che è d'accordo con me». La difficoltà del dialogo raggiunge picchi alti quando di mezzo sono le religioni con le loro concezioni dogmatiche e le loro concrezioni secolari: ci sono ormai volumi e volumi di documenti che attestano il costante e non di rado infruttuoso sforzo di un insonne dialogo interreligioso ed ecumenico.

  • 1
  • 2