Passione civile e il dono della letizia ne "Il soffio del mite"

ee484ef4531bbee5409d2d20f000b781.jpg
Il Centro, 6 febbraio 2013
di Federica D'Amato
Inconfutabile ormai che nelle parole sia racchiuso il rebus indecifrabile del mondo, ma se solo noi sapessimo accogliere, comprendere e pronunciare le nostre parole in modo responsabile

    Il Centro, 6 febbraio 2013
di Federica D'Amato

  vai al libro:
BARBARA SPINELLI
{link_prodotto:id=1059}
Qiqajon, 2012

   

Inconfutabile ormai che nelle parole sia racchiuso il rebus indecifrabile del mondo, ma se solo noi sapessimo accogliere, comprendere e pronunciare le nostre parole in modo responsabile, quale scenario di letizia sboccerebbe dalla realtà! Ad esempio si potrebbe iniziare con il lasciare più spazio al silenzio, con gli altri e con noi stessi; poi dovremmo essere più curiosi di indagare l'etimo dei lessemi, ovvero la loro origine in senso sincronico e diacronico, per scoprire, come diceva il poeta Piero Bigongiari, che “tutto matura lontano dalla nostra cecità ma a portata di mano”. Solo avendo duramente appreso quest'arte del parlare tacendo potremmo avvicinarci a un libro tanto ridotto nelle dimensioni quanto vasto nelle conclusioni, “Il soffio del mite”, in cui si incontrano due realtà diversissime eppure comunicanti: la sua autrice, Barbara Spinelli, e la casa editrice Qiqajon della Comunità monastica di Bose.

Barbara Spinelli è giornalista che ha fatto la storia dell' informazione italiana, tra i fondatori de La Repubblica, poi firma di Corriere della Sera e Stampa, saggista acuta e autorevole nell'interpretazione del vivere contemporaneo, mentre la Comunità monastica di Bose è il nido spirituale di una delle voci più influenti della cultura europea, il priore Enzo Bianchi. Mai incontro fu più felice, se in questo libro l'esperimento della convivenza tra passione civile e letizia evangelica si compie nella maturità di un dono: il soffio del mite, appunto, mite il cui etimo latino (mits) richiama il tenero, il dolce, la maturità perfetta del frutto, così come quando ci riferiamo a un clima ponderato, privo di sbalzi termici, che pone in equilibrio il rosa tiepolo del mattino e il blu reale della sera.

  • 1
  • 2