Lettere a un amico sulla vita spirituale

© 2010 Edizioni Qiqajon, pagine 160, 10,00 euro
© 2010 Edizioni Qiqajon, pagine 160, 10,00 euro
Lankelot.eu, 18 febbraio 2011
di NICOLA VACCA
La vita interiore, che si esprime anzitutto con il porre a se stessi delle domande, è al centro delle felici intuizioni che Bianchi formula nell’affiancare spiritualmente la ricerca d’infinito

RECENSIONI AI LIBRI E CD DI BOSE  

Lankelot.eu, 18 febbraio 2011
recensione di NICOLA VACCA

vai al libro:
ENZO BIANCHI
 {link_prodotto:id=911}

Jean è un caro amico francese del priore di Bose. Un giorno egli scrive una lettera a Enzo Bianchi nella quale gli chiede se è disposto ad avviare con lui una corrispondenza su alcune tematiche inerenti alla fede e alla vita spirituale. L’invito a scavare nelle profondità dell’anima affascina l’interlocutore. Prende corpo un intenso rapporto epistolare che Enzo Bianchi ha raccolto in un libro. {link_prodotto:id=911} (Edizioni Qiqajon, pagine 160, 10 euro) racconta la storia di un cammino che due “cercatori di Dio” fanno insieme sulla strada dell’interrogazione.

La vita interiore, che si esprime anzitutto con il porre a se stessi delle domande, è al centro delle felici intuizioni che Bianchi formula nell’affiancare spiritualmente la ricerca d’infinito del suo caro amico.

L’autore, infatti, affronta con grande semplicità tutte le dimensioni della vita spirituale cristiana e della vita intera, regalando al suo interlocutore, e inevitabilmente a tutti noi, consigli saggi e fulminanti per trovare nelle nostre azioni quotidiane quella luce che ci renderà migliori. Schietta apertura alla vita interiore che “esige coraggio. È come iniziare un viaggio, non tanto in estensione quanto in profondità, non fuori di te ma in te”. Dal coraggio di interrogarsi nasce la propensione al discernimento: da questo atteggiamento responsabile scaturiscono le “occasioni per pensare e per riflettere su ciò che è veramente serio e importante nella vita”.

  • 1
  • 2