Lettere a un amico sulla vita spirituale


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/monast59/public_html/templates/yoo_moustache/styles/bose-home/layouts/article.php on line 44

 

Come Salomone che desidera ricevere da Dio un cuore capace di ascoltare, l’uomo e il cristiano hanno il dovere di abitare il silenzio e la solitudine per apprendere l’arte salvifica dell’ascolto, perché “esserci è ascoltare” e “ascoltare davvero è esserci per l’Altro”. Il coraggio per intraprendere il viaggio interiore, scrive Bianchi, è centrato sull’ascolto. Il priore di Bose invita il suo caro amico Jean a concentrarsi su questo sforzo. “Solitudine e silenzio sono il tempo delle radici , della profondità, in cui ricevi la forza per essere te stesso, per pensare, per coniare una parola tua che magari può essere in contrasto con quelli che tutti ripetono. Silenzio e solitudine sono dunque i mezzi privilegiati della vita interiore, che ti consentono di prendere confidenza con te stesso, anche a costo di arrivare a cantare fuori dal coro, a rompere con le logiche omologanti che tutto appiattiscono”.

Con uno slancio generoso nei confronti della lotta spirituale, Enzo Bianchi invita Jean a resistere sempre al nemico che si nasconde dentro di lui. Nell’esercizio della lotta spirituale sarà possibile debellare l’atonia del cuore, l’asfissia dell’intelletto e la paralisi della volontà. “Caro amico, lo capisci: a tale lotta dobbiamo esercitarci. È un combattimento duro. Scriveva Arthur Rimbaud: ‘La lotta spirituale è brutale come una battaglia fra uomini’, ma produce frutto: pacificazione, libertà mitezza…Grazie a tale lotta la fede diviene perseveranza e l’amore è purificato”.

Ringraziamo di cuore Enzo Bianchi per averci donato un orizzonte di senso, ma anche l’umiltà, l’ascolto e la fraternità del dialogo che apre il cuore alla speranza. Il cammino è ancora lungo e sulla via troveremo ostacoli e insidie.

L’invito a non fermarsi, a non smettere di interrogare –se stessi, gli altri e gli eventi – esige coraggio. Questa è la buona strada  che Enzo Bianchi consiglia di seguire per rendere civile la nostra umanità che non rispetta “l’umanità dell’uomo”.

 di NICOLA VACCA

vai al libro:
ENZO BIANCHI
 {link_prodotto:id=911}

  • 1
  • 2