25 luglio

GIACOMO, Duccio da Boninsegna XIV sec.
GIACOMO, Duccio da Boninsegna XIV sec.

Giacomo di Zebedeo
apostolo

I vangeli raccontano che passando lungo il mare di Galilea, Gesù vide su una barca Giacomo di Zebedeo e Giovanni suo fratello intenti a riassettare le reti. Li chiamò, ed essi «subito, lasciata la barca e il padre, lo seguirono».
Giacomo fu tra i primi chiamati alla sequela di Gesù, e insieme a Giovanni e Pietro conobbe momenti di particolare intimità con il Signore, divenendo testimone della resurrezione della figlia di Giairo, della gloria della trasfigurazione e dell'agonia nel Getsemani.
Impetuoso di carattere, tanto da meritare l'appellativo di «figlio del tuono», e mosso da amore ardente fino alla gelosia per Gesù, al punto da invocare il fuoco dal cielo su quanti si rifiutavano di accoglierlo, Giacomo chiese con il fratello di poter sedere accanto a Gesù nella sua gloria. Gesù gli insegnò allora il prezzo del privilegium amoris, che passa attraverso la condivisione del calice e l'immersione nella morte del Cristo. E Giacomo sarà il primo fra gli apostoli a seguire Gesù anche nella morte violenta, fatto uccidere di spada da Erode a Gerusalemme, verso l'anno 42, poco prima della Pasqua.
Nella chiesa copta Giacomo è ricordato il 12 aprile (corrispondente al 25 aprile del calendario gregoriano) e in quelle bizantine il 30 dello stesso mese. Le tradizioni riguardo alla sua predicazione in Spagna e al ritrovamento del suo corpo a Compostela risalgono al VII-VIII secolo.


TRACCE DI LETTURA

Rallegrati, o Giacomo: quand'eri giovane, domandavi il primo posto in un regno terrestre; divenuto uomo, sei stato reso degno del primo posto presso il Signore della gloria.
Rallegrati, tu che hai visto con i tuoi occhi il Verbo e l'hai contemplato, perché hai lasciato il mestiere di pescatore per cominciare a pescare gli uomini, hai abbandonato il desiderio di un regno terrestre per quello del regno dei cieli, un'eredità effimera per l'eredità perfetta, i beni che passano per i beni del cielo che non avranno mai fine.
(Niceta David, Discorso 5)


PREGHIERA

Signore Dio,
tu hai chiamato Giacomo
a lasciare prontamente i beni e la famiglia
per seguire Gesù,
e a morire per te primo fra gli apostoli:
fa' che diventiamo sempre più disponibili
a compiere la tua volontà,
pronti a testimoniarti fino alla morte.
Per Cristo nostro Signore.


LETTURE BIBLICHE

At 12,1-3; Mt 20,17-23


LE CHIESE RICORDANO...

ANGLICANI:
Giacomo, apostolo

CATTOLICI D'OCCIDENTE:
Giacomo, apostolo (calendario romano e ambrosiano)
Cucufate di Barcellona (III-IV sec.), martire (calendario mozarabico)

COPTI ED ETIOPICI (18 abīb/ḥamlē):
Giacomo fratello del Signore, vescovo di Gerusalemme

LUTERANI:
Giacomo il Maggiore, apostolo
Tommaso da Kempis (+ 1471), testimone della fede nei Paesi Bassi

MARONITI:
Anna, madre di Maria

ORTODOSSI E GRECO-CATTOLICI:
Dormizione di sant'Anna, genitrice della Madre di Dio
Gabriele Mtazmindeli (X sec.), monaco (Chiesa georgiana)

SIRO-ORIENTALI:
Giacomo, apostolo (Chiesa malabarese)

VETEROCATTOLICI:
Giacomo il Maggiore, apostolo